RECENSIONE: Santi e banditi di Rosè Militello

Cari followers, oggi scopriamo un thriller-poliziesco favoloso così coinvolgente da tenerti sempre con il fiato sospeso fino alla fine, grazie alla nuova collaborazione con la CE WritersEditor!

51zpnmCr2ZLTITOLO: Santi e banditi

DATA USCITA: 23 novembre 2017

GENERE: giallo, thriller

AUTORE: Rosè Militello

TRAMA: Norman Bage è un’anonima guardia giurata, alla “Statham Union Bank”, situata nel Lower East Side, a Manhattan. È sposato, tre figli e ha il vizio del gioco d’azzardo. Quando si risveglia seminudo e infreddolito, legato ad una sedia, non può immaginare che, quel giorno, la sua vita sta per cambiare per sempre. I Macridge, lo trasformano, suo malgrado, in un basista, nella rapina che si consumerà proprio nel suo Istituto di Credito.

Ci troviamo nella grande mela, New York, dove l’illegalità si espande in qualsiasi direzione, anche alla luce del giorno, tra traffico di droga, armi e prostituzione.

Abbiamo due organizzazioni mafiose molto importanti che cercano di contendersi il territorio: i Talese, famiglia di origine siciliana capitanata da Luc Talese, e gli Hoffman, famiglia ebraica, capitanata da Jacob Hoffman.

Tutto ha inizio con una rapina organizzata da un gruppo di tossici, avvenuta
alla banca Statham Union Bank il cui direttore è Jonas Hoffman, fratello di Jacob Hoffman dove verrà ucciso sia lui che due uomini appartenenti all’organizzazione mafiosa di Talese, rei di essere al posto sbagliato nel momento sbagliato con un borsone pieno di denaro.
Quando per i rapinatori, tra cui uno rimane gravemente ferito, sembra filare tutto nel verso giusto ecco che il conducente ha un malore e va a finire nella vetrina di un centro commerciale causando morti, tra cui gli stessi delinquenti e danni molto gravi.

Il caso verrà affidato alla Roccaforte 15 dove sarà il Tenente Jack Coogan, giovane detective ambizioso e molto attento ai dettagli, a risolvere il caso.

Purtroppo il nostro detective scoprirà che due dei cadaveri presenti nell’ufficio di Jonas Hoffman portano un tatuaggio sulla mano che fa riferimento alla società mafiosa La Stella, caso pensato archiviato anni prima.
Questa particolarità metterà a dura prova Jack perché, prima di poter chiedere un congedo per poter andare a Roma da sua moglie, dovrà risolvere questo enigma che sembra non avere ne capo ne coda.

Ad aiutarlo, oltre alla squadra roccaforte 15, ci sarà l’investigatrice Luise Hamilton, una donna meticolosa nel lavoro ma dolce e sensibile nella vita privata.
Jack e Luise faranno coppia fissa e si spalleggeranno a vicenda pur di risolvere il caso.

Si riuscirà a risolvere il caso ed a capire chi sta dietro all’organizzazione Mafiosa de La Stella?

La prima impressione che ho avuto del libro è stata positiva in quanto ho notato che la scrittrice non ha utilizzato un linguaggio troppo tecnico e complesso se non per descrivere un minimo situazioni e persone in modo da rendere il romanzo un vero poliziesco.

Inoltre, la lettura l’ho trovata fluente e la trama facile da comprendere nonostante un susseguirsi di intrecci che, man mano che si va avanti a leggere, si risolvono uno alla volta arrivando verso un’unica soluzione.
Ciò non crea alcuna disconnessione tra gli eventi e tutto ciò viene descritto seguendo l’ordine naturale, o temporale, senza mandare il lettore in confusione.

La storia alterna sapientemente momenti adrenalinici e momenti di calma piatta e questo crea un legame tra il lettore e la storia, attirandolo al proseguimento della lettura.

Diciamo che alcuni personaggi sono descritti in maniera superflua dal momento che questo romanzo sarebbe il seguito di un altro, intitolato “Jack e il codice d’onore”.
Nonostante ciò non è necessario aver letto quest’ultimo in quanto “Santi e Banditi” è una storia a sè.
Certo, ora vorrei leggermi anche il primo di romanzo e vorrei che ce ne fosse un terzo.

Per il resto nulla da obiettare!

Cristal (Recensionista Sognare).


Cartaceo:http://amzn.to/2FL1XuG

Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

2 pensieri su “RECENSIONE: Santi e banditi di Rosè Militello

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...