REVIEW PARTY: Away from me di Mya McKenzie

Cari followers, eccoci pronti a parlarvi del nuovissimo romanzo di Mya McKenzie!!!
PS: a fine recensione troverete una sorpresa!!! 😀

51WVosnQ2zL

Genere: contemporary romance
Data di uscita: 25 giugno 2018

EbookCartaceo

Prima di lei, era tutto molto semplice: lavoro e surf, nient’altro.
Ho cercato di ignorarla, ma si è insinuata dentro di me.
Ora è la mia ossessione, è il motivo per cui sto mettendo in discussione ogni cosa.
Per aiutarla dovrei scendere a patti con me stesso.
Per averla dovrei tornare alla vita che ho rinnegato.
Per salvarla dovrei semplicemente tenerla… lontana da me.

Sulla splendida spiaggia della zona di Santa Monica, Nameera, una giovane ragazza di origini arabe si sta godendo i suoi giorni di libertà; suo padre ha deciso di donarla in moglie ad un uomo molto più vecchio di lei e da ciò che si dice anche piuttosto perverso, unica concessione che le ha fatto il padre e permetterle di laurearsi prima del matrimonio.

Quando ormai manca poco alla sua partenza incontra Alex, e pur cercando di non dargli tanta confidenza, non riesce a toglierselo dalla mente…

Lui è proprio come l’oceano: bellissimo, attraente, intoccabile. E io non posso abbandonarmi a lui.

Anche Alex si sente attratto da questa meravigliosa ragazza dal nome tanto esotico. Lui non vorrebbe lasciarsi andare… ha deciso anni prima di non far entrare più nessuno nel suo cuore, ma con lei è diverso… pur scontrandosi ogni tanto, dato anche dal carattere non semplice di Nameera, non riesce a starle lontano…

Tiene la testa appoggiata alla mia spalla e con le dita mi accarezza il collo. È un gesto intimo, sincero, che non mi aspettavo davvero. Solo un paio d’ore fa pensavo mi odiasse, ora in lei traspare soltanto amore.

Quando Alex scopre ciò che il futuro riserva a Nameera, vorrebbe fare qualcosa per impedire che succeda, ma non sembra affatto semplice… oltretutto il loro è un rapporto molto combattuto è complicato. Lei è fortemente rispettosa ai precetti della sua religione e della decisione presa da suo padre, pur non gradendola affatto. Lui non riesce ad aprirsi, a fidarsi, a lasciarsi alle spalle le delusioni e le sconfitte del suo passato.

E così lei parte…

Riuscirà Alex a sventare questo matrimonio imposto?
Riuscirà a sconfiggere i suoi demoni e ad abbandonarsi all’amore?

Non importa cosa faccio. Non sto bene senza di te, e non ne ho mai abbastanza. Dev’essere l’amore che ho in testa.
( Love on the Braun – Rihanna)

Ho avuto la possibilità di leggere questa storia in anteprima e ne sono rimasta sorpresa… si discosta totalmente dal lavoro precedente di questa autrice.

In questa storia prevale il romanticismo, probabilmente grazie anche alla complicità delle magiche atmosfere che la scrittrice ha saputo creare e descrivere in ogni più minimo dettaglio.

I tramonti sull’oceano, l’ebrezza del cavalcare le onde sul surf, le passeggiate a cavallo nel deserto, la gioia del giro sulla ruota panoramica… con le sue parole riesce a far vivere a chi legge ciò che vivono i suoi protagonisti.

Nameera potrebbe sembrare una ragazza d’oggi, ma la sua religione le tarpa le ali… come succede purtroppo molto spesso alle donne del mondo arabo, deve abbassare la testa e obbedire che le piaccia o no… da occidentale non ho amato il suo star zitta e il non affrontare il suo uomo da subito, per poi pretendere che lui leggesse tra le righe delle sue azioni; ho apprezzato comunque i suoi momenti di ribellione anche se avrei voluto che fosse più incisiva e “cazzuta”.

Alex è un uomo che potrebbe avete tutto dalla vita, ma che si fa frenare troppo dal passato e dalla paura di essere ferito, e di conseguenza fa poco per prenderselo… oppure quando si decide di agire lo fa sempre sul filo del rasoio mettendo a rischio ciò che lui brama, diciamo che ogni tanto avrebbe bisogno di una bella scrollata per rimescolargli bene le idee… è comunque un uomo che cerca di fare del bene anche a suo discapito e questo gli fa onore.

Ci sono vari personaggi di contorno, mai invadenti e poco presenti, se non nelle occasioni in cui si voglia introdurre qualche argomento particolare all’interno della trama come violenza sulle donne, differenze religiose, tradimenti d’amore, conflitti d’affari e altro ancora.

I pov alternati ci permettono di conoscere vari aspetti della vita di Nameera e Alex ed a comprenderne meglio i relativi comportamenti.

Unica pecca, se così la vogliamo chiamarla ma è un mio parere personale e spero non me ne voglia l’autrice… mi sarebbe piaciuto avere più azione tra loro due, in tutti i sensi… più litigate, più urla, più rappacificazioni, meno silenzi.

La sua falcata imperiosa mi sorprende mentre sto ancora parlando. La bocca si avventa sulla mia zittendomi all’istante. È un bacio profondo, esigente, che mi lascia senza fiato, senza alcuna forza.

Una storia nel suo complesso originale, mai scontata, con tanti segreti da svelare e paesaggi magici da scoprire; molto scorrevole e piacevole da leggere. Ad ogni inizio di capitolo troverete dei versi di alcune canzoni coi relativi titoli… vi consiglio di leggere  questo libro mentre le ascoltate, sarà una piacevole colonna sonora che vi accompagnerà fino alla fine! 🙂

Siria (Recensionista Sognare).

SORPRESA… ESTRATTO!!!

«Perché mi hai portato qui?»
«Non ti piace?»
«Non mi suscita un vero e proprio fremito» confesso, avanzando a fatica sotto il caldo cocente.
Nameera non dissipa i miei dubbi finché non arriviamo a destinazione. Ma, a quel
punto, non ho più bisogno di spiegazioni. Mi basta vedere la sconfinatezza di questa
terra, illimitata, grandiosa, magnifica.
«Ti ho portato qui perché questo è il posto perfetto per un’amante dell’oceano come
te.»
«Ora sono un po’ perplesso» ammetto, cercando attorno a me una qualsiasi traccia
d’azzurro.
«Milioni di anni fa, gran parte dell’Arabia era un’immensa distesa d’acqua» enuncia,
rispondendo a tutti i miei dubbi. «In tutta l’area, ma soprattutto qui a Fossil Rock, puoi trovarne testimonianza in ogni angolo. Basta lasciar vagare lo sguardo e prima o poi ne scoverai una.»
Come se volesse dimostrarmi la veridicità di quella tesi, si sposta di qualche passo e si china per raccogliere qualcosa da terra. Soddisfatta, mi porge il guscio a spirale di una conchiglia di milioni di anni fa.
«Visto? Prova a immaginare come doveva essere questo posto» propone, guardando la pianura intorno a noi. «Un mare senza fine. Immagina le onde lente e maestose che avanzano dal cuore dell’oceano fino a terra…»
«Avrei voluto esserci» confesso, interrompendola.
«E io con te» mormora senza avere il coraggio di guardarmi.
Io, al contrario, lo faccio eccome.
Ignorarla diventa più difficile ogni giorno che passa.
Starle lontano è talmente faticoso che la mia mano si muove senza alcun preciso
ordine, cercando di annullare le distanze tra noi. Sento il calore della sua pelle sulle
dita, ma non riesco ad afferrarlo. Un refolo improvviso ci porta il ruggito di un motore e trascina via con sé il mio goffo tentativo di dimostrarle qualcosa.


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...