BLOG TOUR: Madonna col cappotto di pelliccia di Sabahattin Ali

Cari sognatori, oggi vi parliamo di un libro che trascende il tempo… eccovi il romanzo di Sabahattin Ali, edito Fazi Editore!!!

thumbnailGENERE: narrativa
DATA DI USCITA: 10 gennaio 2019

EbookCartaceo

Ci sono incontri casuali in grado di segnare un’intera esistenza. E ci sono storie che restano segrete per una vita intera ma poi, una volta raccontate, fanno il giro del mondo. Quando ad Ankara, negli anni Trenta, un giovane conosce sul posto di lavoro Raif Effendi, viso onesto e sguardo assente, è subito colpito dalla sua mediocrità. Man mano che i due entrano in confidenza, questa prima impressione non fa altro che ricevere conferme: schernito ed evitato da tutti sul lavoro, Raif viene maltrattato persino dai suoi familiari. Quale può essere la ragione di vita di una persona simile?

Quale, se c’è, il segreto dietro una vita apparentemente inutile? Il taccuino di Effendi, consegnato in punto di morte al collega, contiene le risposte, raccontando una storia tutta nuova: dieci anni prima, un giovane e timido Raif Effendi lascia la provincia turca per imparare un mestiere a Berlino. Visitando un museo, rimane folgorato dal dipinto di una donna che indossa un cappotto di pelliccia, e ne è così affascinato che per diversi giorni torna a contemplare il quadro. Finché una notte incrocia una donna per strada: la stessa donna del dipinto. Maria. Un incontro che gli sconvolgerà la vita.

Intenso, profondo e toccante, Madonna col cappotto di pelliccia è un romanzo indimenticabile che, inizialmente passato inosservato, grazie al passaparola oggi è un bestseller. Pubblicata per la prima volta nel 1942, la storia di Raif e Maria è una storia d’amore senza tempo che continua a commuovere uomini e donne di ogni età. A dimostrazione che la bellezza e la verità, come la letteratura, durano per sempre.

Il tema che tratteremo è la felicità… ieri e oggi…
Scopriamo cosa ne pensa a riguardo la nostra Michy!

Cos’è la felicità?

Spesso lungo la lettura di questo romanzo mi son posta questa domanda…

Come fra queste pagine si possa ritrovare il desiderio e la ricerca della felicità, quella assoluta e totalizzante, in grado di cancellare tutti il brutto della nostra vita e riscrivere la nostra stessa essenza…

Ma è questa la felicità?

Per Maria era la ricerca di una persona che l’accettasse per com’era, una donna diversa dai dettami della società dell’epoca dove i matrimoni si basavano sull’obbedienza e la sottomissione.

Lei voleva essere libera di pensiero, di azioni e di trovare un uomo a suo pari che le rapisse l’anima, che il corpo lo bramasse e che la mente ne fosse ossessionata da lui.

Per Raif la felicità vera è stato come il battito d’ali di una farfalla, piccoli momenti instillati nel tempo… dalla semplice lettura di un romanzo, la sua fantasia nel ricreare scene in cui lui vi era l’illustre artefice fino a quei mesi a Berlino in cui un autoritratto di una donna dai tratti enigmatici e perfetta lo ha colpito per poi sconvolgergli l’intera esistenza.

Se parlaste con i vostri nonni o vostri conoscenti anziani scoprireste che la felicità negli anni passati era fatta di piccole cose.

In una società anteguerra in cui non c’era niente anche il semplice impiego poteva essere una felicità assoluta; il poter portare il pane a casa, vedere i tuoi figli crescere sani, tua moglie accanto che ti dispensa un sorriso, il solo essere vivi e ritornare dal fronte era felicità.

Forse ai vostri occhi sembra niente, ma se dal domani non ti puoi aspettare nulla ogni piccola cosa può essere la tua felicità.

Ben diverso a mio dire è la società che viviamo al giorno d’oggi… noi che sguazziamo nel consumismo più assoluto.

Abbiamo tutto ma al tempo stesso non abbiamo niente… viviamo nell’apparenza dell’essere accettati in un mondo in cui ti insegna che se non hai quello non sei nessuno, se non vesti così non vali niente ed ecco che ci affanniamo nell’avere sempre di più e solo così crediamo di poter essere felici.

Ma è una felicità effimera e vuota perché nel momento stesso che uscirà il nuovo modello di tale cosa siamo punto e a capo.

Siamo succubi di questa società vuota e per certi versi insulsa in cui ha perso gli antichi valori dello stare insieme, dei sorrisi tra gli amici, del calore della famiglia, delle piccole ma genuine cose che realmente danno la felicità.

Essere felici per ciò che si ha, per le persone a noi accanto, per un semplice tozzo di pane che ogni giorno si può mangiare.

Oggi abbiamo perso la purezza delle piccole cose a discapito di un’esistenza a volte vuota e triste, senza accorgerci che se aprissimo gli occhi la felicità la potremmo ritrovare già lì accanto a noi tutti i giorni.

Gli stessi molteplici film visionati negli anni ce lo insegnano, anche in una tragedia a ridosso della morte si apprezzava e si era felici di ciò che si ha avuto e di ciò che si ha vissuto; anche nelle avversità un semplice ricordo può portare la felicità.

La felicità sta nel guardare oltre il materiale ciò che ci circonda o semplicemente vedere il lato positivo delle cose…

Io ad esempio lavoro saltuariamente, non so come tirare a campare fino a fine mese però ho un tetto sulla testa, ho un compagno che mi ama, ho una famiglia che nonostante sia in disaccordo semmai avessi bisogno è sempre presente!

Certo questo è il mio caso… esistono situazioni peggiori, ma vorreste dirmi che nessuno di voi ha nulla per cui essere felice?

Niente per cui ripensandoci nasca un sorriso sincero ed illuminante?

Lo ribadisco… la vita è fatta di piccole cose, momenti e la felicità è uno di quelli, certo è molto più semplice crogiolarsi e rinchiudersi nella tristezza desiderando ciò che non si ha e puntando il dito contro chi non ci dà ciò che vogliamo ma pensate al lato positivo sempre, so che è difficile son la prima a viverlo sulla mia pelle.

Ma la felicità vera è fatta di piccoli momenti più o meno lunghi, voi concentratevi su quelli e la vita vi apparirà migliore e sarete più aperti alle felicità future sono proprio lì e neanche ve ne accorgete! ❤

Michy (Blogger Sognare).

calendario madonna (1).png


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Un pensiero su “BLOG TOUR: Madonna col cappotto di pelliccia di Sabahattin Ali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...