RECENSIONE: Last call di A.S. Kelly

Cari sognatori, entriamo nel nuovo, intenso e coinvolgente romanzo di A.S. Kelly!!!

41jWtXymhrL.jpg

GENERE: romance, new adult
DATA DI USCITA: 2 giugno 2019

Ebook / Cartaceo

Salve a tutti, mi presento. 
Mi chiamo Niall Kerry, ho quasi quarant’anni e sono in un mare di quella cosa con la M che ora non mi sembra il caso di scrivere per esteso. 
Dopo una vita giocata nel ruolo di campione e di uomo che non deve chiedere mai, mi trovo a ricominciare tutto da capo, in una cittadina del diavolo, a casa dei miei genitori, senza un lavoro, con una figlia adolescente che mi odia da conquistare e la fiducia di tutti da riguadagnare.

Mica facile provare a convincere le persone che non sei così male e che in fondo non sei più quel ragazzo poco raccomandabile che conoscevano un tempo. 
Mica facile far breccia nel cuore della mia preside preferita, la preside Jordan, soprattutto quando lei non ne vuole sapere di lasciarsi avvicinare.

Ma sapete cosa, io non sono un tipo che accetta un rifiuto o che si fa fermare da un accordo e da due clausole in fondo alla pagina, sono più un tipo che gioca fino all’ultimo minuto e che la partita se l’aggiudica prima del fischio finale. 

E se in palio c’è il suo cuore, allora sono pronto a proporle un accordo che neanche la mia sexy e rigorosa preside potrà evitare di firmare.

Questa storia si discosta un po’ da quelle che abbiamo letto precedentemente di questa autrice… trovo che ogni tanto uscire dal proprio stile, se così si può dire, denota coraggio, intelligenza, voglia di mettersi in gioco, cosa che apprezzo negli autori che seguo assiduamente e di cui non perdo neanche una pubblicazione.
Personalmente di questa scrittrice amo ogni sfaccettatura; lei è poliedrica, riesce sempre a suscitare in me un mare di emozioni sempre diverse, qualunque sia la tipologia della storia che scrive… questa è prettamente dolce, ironica, zuccherosa, passionale, mai melensa o stucchevole.

Addentrandoci al suo interno conosceremo vari personaggi, alcuni più complessi, altri più leggeri, ma sempre incisivi e utili alle dinamiche del romanzo.
È un libro che parla di rinascita, di amicizia, di presa di coscienza, di solitudine, di crescita interiore, di fiducia verso il prossimo, d’amore, di famiglia.
La storia ruota intorno a Niall e Jordan.
Lui per tutta una serie di problemi e tornato a vivere dai suoi genitori insieme alla figlia adolescente Skylar.
Il rapporto tra padre e figlia non è dei più sereni, i loro trascorsi sono dolorosi e Skylar non è intenzionata a rendere al padre vita facile.

<<Skylar incrocia le braccia sul petto e rivolge lo sguardo dalla parte opposta.
“Ci hanno sentiti, sanno che siamo qui.”
“Secondo te me ne frega qualcosa?” “Dagli almeno una possibilità.”
“Mi avevi detto che era una città!” Alza la voce e mi guarda truce.
“Ed è vero, lo è.”
“Siamo in mezzo al fottuto nulla!” ” Non dire quella parola.”
“Siamo nel buco del…”
” Neanche quella, soprattutto quella. Non davanti ai nonni, ti prego.”>>

Le loro interazioni ci doneranno dei momenti veramente esilaranti, ma anche alcuni dei passaggi più belli, intensi ed emozionanti di tutta la storia.
Il rapporto tra padre e figlia si evolverà lentamente, non senza dolore ma, come la vita vera ci insegna, non è facile essere genitori come non è facile essere figli.
A.S. Kelly parlandoci di loro ha toccato svariati argomenti, non tutti semplici o leggeri… ha rappresentato, a mio parere, perfettamente il rapporto tra padre e figlia soprattutto di due coi loro trascorsi… ho amato questo padre con tanti difetti e che ha fatto tanti sbagli, tante cavolate, ma che è pronto a metterci rimedio con tutto se stesso e ho adorato Skyler, un’adolescente ferita profondamente, che detesta tutto e tutti, che tiene tutti a debita distanza dal suo cuore per paura di soffrire ancora; ho amato la sua crescita, la sua strafottenza, il suo essere insofferente e irriverente, ho amato le sue fragilità e la sua dolcezza.

Jordan è una donna dei nostri tempi, tosta e fragile nello stesso tempo, ferita nei suoi sentimenti, resa dubbiosa di se stessa da un cretino che ha sposato e che poi l’ha tradita. Capisco le sue titubanze nel lasciarsi andare, i suoi dubbi, le sue lotte interiori, la paura di perdere ciò che si è conquistata con la sua tenacia se si lascia andare alla passione e al sentimento.

<<Posa il bicchiere vuoto sul tavolino e lui lo osserva, poi solleva gli occhi su di me e diavolo, con quelli potrebbe anche masticarla e ingoiarla la mia biancheria…
…”Buongiorno”. Il suo sorriso da mattino dopo è ancora più pericoloso di quello da sciogli biancheria.>>

Ho apprezzato come la scrittrice l’ha presentata, mi è piaciuto come le fa tener testa a Niall, come la fa interagire con Skylar, come le fa prendere coscienza di sé e di cosa vuole nel suo futuro.
Ma tanti altri sono i personaggi che popolano questa storia, ad esempio Tyler… lui è un amico al 100%, quello che pur stando lontano per tanto tempo non si tira indietro ed è subito pronto a porgere una mano nel momento del bisogno senza aspettarsi nulla in cambio…

<<“Non so come funzioni nella grande città, Kerry, ma qui da noi le cose non cambiano. Quelli che eravamo quindici o vent’anni fa, lo siamo ancora.”>>

Oppure i dolcissimi genitori di Niall nonché nonni di Skylar, preziosi, saggi, amorevoli ma duri quando serve.
Anya è la classica collega/amica/sorella che tutte noi dovremmo avere nella nostra vita e poi Iris, una figura un po’ defilata ma incisiva e fantastica nei momenti a lei dedicati, capace di sanare le tue ferite con piccoli gesti e semplici parole.

<<Amo questo appartamento che profuma di fiori, amo il suo piccolo tavolo davanti alla finestra e amo la sua minuscola cucina dove mi ha insegnato a fare i biscotti. E amo lei che è tutta la mia famiglia >>

Sono sicura che rimarrete conquistati da questo libro così come lo sono stata io, riderete, piangerete… giusto due lacrime… verrete travolti dalla folle, bollente e dolcissima passione di Niall e Jordan

<<…solleva una mano verso i miei capelli e poi tira via lentamente l’elastico che li teneva su, facendoli cadere sulle spalle. “Dio, Jordan.”
La sua voce è bassa e roca.
“Lasciati andare.” Mi accarezza i capelli. “Libera quella parte selvaggia che tieni chiusa a chiave.” ” Io non ho una parte selvaggia” dico a disagio. “Oh di che ce l’hai e mi piace.”>>

Vi emozionerete con Skylar e sono anche sicura che un pochino vi innamorerete di Tyler com’è successo a me! ❤️

P.S: So che A.S. Kelly ha precisato che questa sarà una storia fine a se stessa, ma io spero che prima o poi ci faccia scoprire qual è la dote nascosta di Tyler che gli fa avere tanto successo con le donne… 😉

Siria (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...