RECENSIONE: MIA di Daniela Ruggero

Cari sognatori, in collaborazione con il Blog Les Fleurs du Mal, vi presentiamo il romanzo di Daniela Ruggero, edito Dark Zone!

51CxGo0wtwL.jpgGENERE: romance, new adult
DATA DI USCITA: 29 maggio 2019

Ebook / Cartaceo

L’amore che unisce Mia e Dave è intenso quanto la loro giovane età. Nonostante lui debba partire per frequentare la London School of Economics, decidono di proseguire la loro relazione a dispetto della distanza che li separerà. Josh è il cugino di Dave, dopo aver conseguito la laurea si trasferisce in Italia per mantenere fede alla promessa fatta alla madre sul letto di morte. Le loro vite si intrecceranno in modo inaspettato. Mia assaporerà il gusto amaro delle lacrime, del tradimento e del rimorso. Imparerà a sue spese quanto possa essere profondo l’abisso del dolore e come rinascere e cambiare pelle sia l’unica via per onorare la vita.

Un’opera in definitiva dolce-amara, narrata in maniera sciolta ma scrupolosa che a mio giudizio merita tutte le stelline per il coraggio dimostrato dall’autrice nel trattare temi anti-commerciali e non di comodo poiché scottanti, duri e amari ma non per questo meno degni di valore, attenzione e capacità di emozionare e appassionare.

Un New Adult dolce e amaro

Mia di Daniela non è un libro facile. Seppur poco avvezza al genere rosa o romance, so cavarmela abbastanza bene individuando ogni sfumatura utile per farvelo conoscere a voi lettori. In questo caso non saprei dire se la collocazione sia esatta. Certo c’è la storia d’amore, apparentemente romantica. C’è un sano sesso che è però, non messo tanto per attrarre come miele le mosche, ma è congeniale alla trama e alla sensazione della ragazza Mia, che si affaccia sulla scena sentimentale conoscendone sin da subito, la forza devastante. O come la chiamo io la vischiosità di un sentimento totalizzante che spesso non permette una vera e necessaria differenziazione io e l’altro. L’amore adolescente è così. E’ un sentirsi totalmente parte della stessa anima. Anzi è condividere un’anima fino a sentirsi tremendamente parte dell’altro. Perderlo è come soffocare, come sentirsi spezzati a metà. Alzi la mano chi non ha conosciuto tale trasposto. All’inizio è meraviglioso. Solo che la vita, molto più saggia di noi, non si aspetta che noi viviamo in questo bozzolo sicuro, la comfort zone, di turno. Perché un amore assoluto basta a se stesso. E basta a te. Non c’è più altro da vedere, da sognare e da pensare se non il respiro dell’altro, la sua carezza, quel suo sguardo bruciante. Se non l’estasi dell’unione. E così arriva il dolore. A insegnarci che siamo esseri diversi seppur complementari. È il dolore, la perdita che ci fa maturare. È il nostro ostacolo ma al tempo stesso l’opportunità di nascere. E fidatevi nessuno nasce ridendo. Tutti arrivano al mondo lasciando il caldo nido del ventre, quel mondo acqueo sicuro e confortante con un urlo di dolore. Perché l’aria sferza, le sensazioni e gli stimoli invadono il cervello con un rumore cacofonico. Il dolore è secondo me troppo stigmatizzato in questo mondo. Isolato, sfuggito come una bestia feroce. Temuto e esorcizzato con troppi lieto fine. Ma il lieto fine non ci educa a vivere. Per nulla. Non ci fa assaporare la vita, né i colori, né i sapori. Il lieto fine, la mielosità di tante storie non temprano il nostro spirito. Non ci insegna ad alzare la testa, arrabbiarci, dire no e partire in cerca di un’altra vita.

Mia lo fa. Conosce l’estasi. E impara che dietro essa esiste la colonna del rigore. Che vita e morte sono strette in un abbraccio senza fine. Che la vita non è la favola sognata da bambina. E che in mezzo a questo abisso, soltanto allora quando ti sembra di non respirare, basta alzare gli occhi e guardare dritto il cielo. E tornare a far parte di esso. L’amore è una maledizione ma è anche la nostra benedizione. Il biglietto di ingresso per la vita matura. Perché in ogni storia iniziatica che si rispetti, e Mia lo è, non esiste la crescita di un albero senza che esso venga potato. Non esiste la consapevolezza del dono dell’amore se non ci viene strappato. Io sono convinta che solo perdendo si è in grado di apprezzare, fino in fondo, i doni che la divinità o il caso o come lo volete chiamare, ci regala.

Mia è una storia di una bimba che diviene donna. Lo fa perdendo se stessa. Morendo e rinascendo. E credetemi alla fine del libro Mia sarà molto più radiosa dell’inizio quando rideva ingenua al sole. Sarà più meravigliosa e terrificante nella vesta di Morrigan colei che lotta per vivere, della dolce e tonta Biancaneve. E vi auguro magari in modo meno traumatico, di essere tante Mia. Cosi coraggiose da guardarlo negli occhi il dolore e sostenere lo sguardo senza esserne pietrificate.

Alessandra Micheli
(Les Fleurs du Mal)


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...