REVIEW PARTY: Heimaey di Ian Manook

Cari sognatori, oggi entriamo nel thriller puro con il nuovo romanzo di Ian Manook che fa parte della collana Darkside, edito Fazi Editore!

71XtwRAbiELGENERE: thriller
DATA DI USCITA: 10 ottobre 2019

Ebook / Cartaceo

Kornelíus, un poliziotto islandese possente come un troll, che canta musica folkloristica in un coro di donne , trova un cadavere in una solfatara, spellato dal ventre in giù. Mentre cerca una spiegazione per quel delitto associato a uno strano rituale, è anche alle prese con la mafia lituana, a cui deve dei soldi; per estinguere il suo debito, s’impegna a ritrovare due chili di cocaina rubati da un mozzo durante una transazione in mare. Negli stessi giorni, giunge in Islanda il giornalista Jacques Soulniz: quarant’anni dopo aver visitato l’isola con un gruppo di amici, vi fa ritorno con la figlia Rebecca, la sua ribelle Beckie, con la quale cerca di riallacciare un rapporto compromesso. Sin dalle prime tappe, però, il loro soggiorno prende una piega inaspettata: l’uomo è inseguito dalle ombre del suo passato e sembra avere un conto in sospeso con quelle terre misteriose, che hanno in serbo per lui un’implacabile vendetta. Le strade di Kornelíus e Soulniz si incroceranno in un gioco crudele orchestrato dal destino.
Dopo le steppe mongole della trilogia di Yeruldelgger, Ian Manook ci accompagna in Islanda, fra ghiacciai, vulcani, antiche leggende, scogliere impervie a picco sul mare: un paese di una bellezza abbagliante, modellato dalla collera millenaria dell’oceano. Un’Islanda arcana e luminosa, in cui dietro ai paesaggi immacolati si celano traffici illeciti di ogni sorta. Un thriller dal ritmo serrato, con personaggi indimenticabili e un’ambientazione unica: Ian Manook è tornato e non deluderà i suoi molti fan.

Un viaggio all’insegna del riallacciare i rapporti, nel ripercorrere il viale dei ricordi con un intreccio di percorsi e vite, tra i magici paesaggi dell’Islanda, oscure leggende e sangue che scorre… infida alle loro spalle si nasconde l’agghiacciante vendetta che sibillina striscia come un freddo serpente pronto a stritolati con straziante calma, facendoti avvertire passo dopo passo l’arrivo della fredda morte.

Raramente leggo thriller ma amo variare le mie letture; attraverso questo ho scoperto la bravura dello scrittore che magistralmente ti coinvolge alla scoperta delle verità nascoste attraverso il destino di molti personaggi che lungo il cammino si intrecciano, aggiungendo e arricchendo sempre più di dettagli questo mistero intriso dal sangue della vendetta… dove al suo apice uno stratega che mai ti aspetteresti tira i fili tracciando un percorso fatto di piccoli indizi che fanno scontrare il presente con il passato.

Grande a mio parere l’accortezza nel descrivere l’animo umano di questi personaggi che nessuno è esanime da colpe o remore ma che giorno per giorno lotta per andare avanti… per un futuro che non esiste forse ma che comunque li porta a scelte e azioni a volte scellerate, dettate dal momento tralasciando le conseguenze.

Affascinata non poco dalla vera e propria simbiosi dello scrittore con la Groenlandia, un luogo magico ma anche ostile dove del suo habitat se ne resta incantati ed estasiati… eppure al tempo stesso è anche un posto in cui ci si può trovare nell’inferno con le suo bocche sulfuree ,lande di roccia nera lavica ancora incandescente, con le sue cascate bellissime ma anche crepacci che guardano il vuoto. Descrizioni così straordinarie che elogiano un’arcipelago che sembra quasi finzione, dove la magia delle leggende ancora ora vige e vive attraverso i suoi abitanti, di cui ancora alcuni seguono il ripercorrere dei “passaggi magici” alla volta di ottenere il qualcosa tanto desiderato.

Un romanzo molto particolare in cui tutto è curato nei minimi particolari al fine di avvolgere il lettore fra le svolte oscure del destino, con molte domande che si susseguono ed eventi che ti lasciano attoniti, dove la malavita ci mette lo zampino ed il sangue dei caduti ti gela.

Che dire, sono rimasta stupita e colpita talmente tanto che le pagine scorrevano così velocemente da non accorgermene; ritorno a dire che non leggo molti thriller però seppure non ne sono un’intenditrice di certo non si può non elogiare Heimaey che come un film ti fa vivere tutto con un costante brivido freddo che percuote le tue membra e mozza il respiro, con l’adrenalina e la paura che ti scorre nelle vene.

I personaggi particolari, che ognuno a modo suo ha un suo perché di essere lì, però al tempo stesso c’è un lato forte di maldicenze verso di loro attraverso i mille dubbi che lo scrittore instilla nel lettore fino ad un finale paradossale e scioccante.

Ian Manook ci regala un nuovissimo capolavoro dove il passato prepotente tornerà a chiedere vendetta, le persone dovranno pagare per i propri errori, riscoprire se stessi, scendere a patti con la coscienza per cercare di sopravvivere l’oscurità che li insegue e sottostare alla “magia” delle sue lande.

Ho adorato il grande riferimento ai corvi che come nel film di Hitchcock hanno il loro coinvolgimento e scatenano non poca paura… uccelli dotati di intelligenza e memoria…

Non vi resta che leggerlo miei cari sognatori e seguire il viaggio alla riscoperta della Groenlandia e del passato di un giovane ragazzo che quarant’anni addietro vi si era inoltrato e che ora è pronto a ripercorrere attraverso ricordi per riconciliarsi con la figlia da anni perduta… ma si ritroverà invece a vivere in incubo, un inferno che senza ma è senza se, si abbatterà su di lui…

Michy (Blogger Sognare).

 


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...