REVIEW PARTY: Filo Spinato di Daniela Carboni

Cari sognatori, dopo aver intervistato la creatrice di questo romanzo, Daniela Carboni, non resta che tuffarcisi dentro scoprire le sue intense pagine!!!

thumbnail (2)

Genere: contemporary romance, new adult
Data di uscita: 30 ottobre 2019

Ebook / Cartaceo

Tristan, scrittore affermato, dopo la morte della moglie subisce un arresto. La sua vena artistica sembra ormai esaurita e passa molto più tempo con un bicchiere di whisky in mano che non chino sulla sua antiquata macchina da scrivere.

Cristina, giovane istitutrice di sua figlia, è colei che dopo tanti anni riesce a dare di nuovo vita a quei vecchi tasti ormai impolverati e che riesce a risvegliare quelle emozioni che il suo datore di lavoro credeva ormai sepolte e dimenticate.

<<“Ho bisogno di te…>> Queste sono le subdole parole con cui Tristan riesce a tenerla legata a sé. Come una falena attratta dalla luce, Cristina non riesce non rispondere a quell’irresistibile richiamo né al primitivo impulso di salvarlo da sé stesso, a costo di andare contro ogni regola morale e di mettere in gioco i propri sentimenti.
Riuscirà Cristina a salvare Tristan dall’autodistruzione oppure verrà anch’essa risucchiata nel suo inferno personale?

Sognatori, sono ancora scossa per le forti emozioni che mi ha destato questo romanzo perché dietro ad una storia d’amore che si presentava ricca di cliché, celava passioni roventi e tematiche molto delicate.

Cristina, detta Mia molla tutto per andare dalla sua amica a New York che le trova lavoro come bambinaia della figlia del bellissimo Tristan.

“ <<E’ uno scrittore. Non uno qualunque, ma uno famoso. Sua moglie è morta due anni fa e da allora non è mai stato visto in giro con nessun’altra donna che non fosse sua figlia… Chi non vorrebbe un uomo così accanto?>>
<<Ma proprio nessuna? E’ così…>> provo a cercare le parole più giuste per descriverlo, ma senza successo. <<Bello, meraviglioso, straordinariamente affascinante, forse…?>> corre in mio soccorso Vic. Annuisco con decisione. <<Molte donne gli fanno gli occhi dolci, ma a lui sembra non interessare. Nessuna, neanche la più bella del mondo, è finora riuscita nell’impresa.>>”

Fin da subito la dolce personalità di Cristina riesce a farsi adorare da questa bambina dolcissima, mentre con il padre nascono scontri e battibecchi che vi terranno incollate alla lettura mozzafiato e travolgente.

Se Tristan è lo scrittore vedovo tormentato dai suoi problemi che con l’alcool ed i suoi sensi di colpa cerca disperatamente un appiglio per risalire…

“<<Ore ed ore trascorse a lottare per cercare le parole giuste, mentre la tua mente sembra andarsene da un’altra parte>> riassume, guardando in un punto imprecisato della stanza. <<So cosa significa>> preciso. <<Ma non sa cosa voglia dire sentirsi bloccati dentro mentre tutto il mondo sembra andare avanti. Due anni…>> prosegue, rivolto più a sé stesso che non a me <<Due anni di solitudine, di fogli accartocciati e di macchine da scrivere rotte.>>”

Mia è una giovane donna dalla sindrome della crocerossina che alberga in molte di noi, che mette al primo posto sempre i bisogni degli altri poiché ama essere indispensabile per coloro che ama.

Tristan è un personaggio forte, complesso, a tratti despota, che tenta di annullare se stesso e di sottomettere al suo bisogno Mia. Lei fin da subito capisce di amarlo ma lotta con le sue insicurezze che da sempre l’hanno bloccata e ha paura di perdere se stessa.

“Ci sono troppi non è giusto tra noi. Non è giusto per il ruolo che occupo dentro la sua casa. Non è giusto per lui, perché deve imparare ad andare avanti da solo non facendo affidamento sugli altri. Non è giusto per me, perché merito di più di una storia senza futuro. Non è giusto semplicemente perché alla fine lui ritornerà alla sua vecchia vita, mentre la mia di vita non sarà mai più la stessa.”

La storia d’amore che arde tra i due protagonisti è folle, inaspettata, tormentata ma nasconde attimi di tenerezza da far tremare il cuore. Sono due anime perse, annullate dal loro bisogno che s’incontrano e si riconoscono.

Se di giorno si devono nascondere, la notte divampa questa lotta feroce tra i due senza possibilità di scampo.

“<<Avrai tutto il tempo per recriminare domani, dopodomani o il giorno dopo ancora, ma non stasera, ti prego…>> continua, stringendomi con fare possessivo, stringendomi in abbraccio che non mi lascia spazio per respirare << la notte appartieni a me, solo a me. La notte è solo mia.>>”

Quando l’amore passionale, rovente al punto d’incendiare i tuoi sensi, il bisogno viscerale di avere qualcuno accanto a sé diventa malato? Quando il bisogno di amare qualcuno diventa dipendenza? Fin dove è possibile perdere se stessi per l’amore di qualcuno?

Queste domande sono attualissime perché la cronaca è piena di amori dove al posto di dire la parola basta ci si nasconde dandosi colpe non proprie e giustificando l’impossibile. Parlarne non è mai abbastanza, prendere coscienza di sé, dell’importanza del porsi quelle domande così difficili che tormentano il nostro animo e che potrebbero portare a scelte irreparabili diventa l’unica possibilità per rinascere.

Ho bruciato queste pagine divorata dal bisogno di sapere, ho pianto con loro, me ne sono innamorata passo passo. Ho decisamente apprezzato il percorso di consapevolezza di Cristina come un viaggio nella presa di coscienza dei nostri desideri più profondi, della necessità di amarci per poter amare e di saper lasciar andare quello che non possiamo trattenere.
Non mi resta che invitarvi a leggere questa storia d’amore appassionante e romantica!

Alla prossima lettura! 😉

Rosanna S. (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...