BLOG TOUR: INTERVISTA AI PERSONAGGI – Duologia GrishaVerse di Leigh Bardugo

Cari sognatori, dopo avervi fatto scoprire l’intera duologia di Leigh Bardugo, edita Mondadori… oggi scopriamo i suoi Scarti in questa bizzarra intervista!!!

Ma prima, se non lo avete ancora fatto, vi invitiamo a scoprire le nostre recensioni ed a leggere questa travolgente avventura!!!

RECENSIONE: GrishaVerse – Sei di corvi (vol.1)
RECENSIONE: GrishaVerse – Il regno corrotto (vol.2)

fil 2

Miei cari sognatori, oggi ho il piacere di essere in compagnia dei 6 ragazzi che hanno compiuto l’impresa “Toccata e fuga dalla Corte di Ghiaccio”.
Vorrei iniziare la mia intervista con quello che ha dato vita a questa avventura!
Dimmi Kaz Brekker, come mai hai scelto Inej, Jasper, Nina, Mathias e Wylan per questa missione?

Kaz: Non sono tenuto a spiegare le mie scelte su chi mi porto dietro o meno.

Nina: Kaz sei incorreggibile, nemmeno durante un’intervista riesci a rilassarti.

Kaz: Nina..

Ok, ok. Eviterò di farti altre domande se non lo riterrò necessario, Kaz. A sto punto farò una domanda alla portata di tutti…
Come è possibile che dei ragazzi così giovani siano finiti nel Barile?
Insomma… Lì si trova il meglio del peggio!

Jasper: Infatti ci siamo noi!

Wylan: Ehi, mica sono un manigoldo come te!?

Jasper: Oh ti prego, allora spiegami come Kaz ti ha trovato nel Barile. Sicuramente è l’ultimo posto dove cercare la bella vita. Almeno che tu non volessi soddisfare i tuoi       vizi… [espressione maliziosa]

Wylan: Io… Jasper sei senza ritegno! [rosso dalla vergogna]

Matthias: Anche io vorrei precisare che non sono una canaglia come voi.

Nina: Ma fammi il piacere. Nemmeno l’addestramento druskelle è riuscito a renderti un             soldato esemplare! Soprattutto a reprimere i tuoi istinti… [occhiata maliziosa]

Matthias: Nina Zenik, sei senza pudore. Non riesci proprio a tenere lontano dalla tua lingua l’ambiguità e la malizia.

Nina: Perché so che ti do fastidio! E quindi mi piace metterti a disagio! Lo trovo appagante! [sorriso smagliante]

Matthias: Nina… [ringhio con occhiata fulminante]

Ammetto che qualsiasi domanda vi faccia, potrebbe essere una mina pronta ad esplodere. Allora iniziamo poco per volta…
Nina e Mathias, so che voi due vi conoscevate già prima di arrivare a Katterdam. Come mai?

Nina: Diciamo che qualcuno ha pensato di rapirmi.

Matthias: Diciamo che qualcuno ha deciso di pavoneggiarsi e pensare che dei soldati addestrati per cacciare i Grisha non fossero in grado di riconoscerli.

Nina: Diciamo che non avete cervello. Comunque, in brevis: una nave è naufragata in mare aperto, io l’ho salvato dalle acque gelide, ci siamo fatti “compagnia” [occhiata fugace a Mathias] per alcune settimane dispersi in dei boschi innevati prima di capire che eravamo arrivati a Katterdam.

Matthias: Ehi, non mi hai salvato… è più giusto dire che ci siamo salvati a vicenda…

Nina: Ma la parte più grossa l’ho fatta io. Senza i miei poteri non avresti fatto nemmeno due bracciate! [espressione di profonda soddisfazione]

Sicuramente una situazione del genere ha instaurato un certo legame tra voi due…

Jasper: Sicuramente. Di amore e odio. Un giorno si cercano e l’altro si scannano…

Nina e Matthias: pensa per te!

Infatti Jasper, perché non ci dici come ci sei finito tu nel Barile di Kattedarm?

Jasper: Sono arrivato a Katterdam per fare la vita da universitario…

Wylan: Universitario… tu?

Jasper: Sì, perché? Che c’è di strano? [sguardo intimidatorio]

Wylan: Ma se ciò che ti riesce meglio è sparare in mezzo alle bische!

Jasper: E non solo! [Occhiata fugace]

E tu Wylan? Come sei finito a Katterdam? Sei figlio di un mercante… Dovresti vivere nella parte più agiata della città.

Wylan: In verità io… [senso di disagio]

Jasper: Diciamo che anche a te piace la vita da manigoldo! Ti abbiamo visto mentre cercavi di sfarfallare con le ragazze del Barile esibendoti con il flauto!

Wylan: Non è vero! Quando mi ha trovato nel Barile Kaz, ero lì per motivi personali che non sto qui a raccontare…

Ah ok… Forse ha a che fare con la trama. Allora sorvoliamo…

Inej: Tutto ciò che diciamo ha a che fare con la trama. Per questo dobbiamo essere i più riservati possibile.

Ah ma ci sei anche tu Inej, non ti ho nemmeno sentita. Molto silenziosa. Sfido io a non chiamarti Spettro! Sai dirmi il perché di questo soprannome? E spiegarmi come ci sei finita nel Barile di Katterdam?

Inej: Nel Barile di Katterdam non ci finisci per caso. E se ci finisci per caso, puoi considerare il Barile come una palestra di vita. Poi… non credo ci siano molti motivi per chiamare una persona Spettro.

Nina: Inej… eccelli sempre con le tue uscite. Ti ricordo che mi devi una serata e una quantità indefinita di cialde!

Matthias: Sei un pozzo senza fondo..

Inej [sorride]: Io i miei debiti li ripago sempre.

Forse inizio a capire il motivo per cui Kaz vi ha scelto per la missione…
Noto che, nonostante i battibecchi siete molto affiatati, insieme siete inespugnabili!
Vorrei sapere perché soprannominarvi Scarti… non è dispregiativo?

Jasper: Non sempre essere uno scarto è dispregiativo. A volte risulta vantaggioso se gli altri pensano di avere a che fare con delle miccette piuttosto che con delle bombe.

E che mi dite del marchio a forma di Corvo?

Kaz: Lei si fiderebbe mai di un corvo? E poi cosa pensa di trovare nel Barile? Siamo tutti finiti lì per un motivo. Sicuramente i lettori preferirebbero capirlo leggendo man mano il libro.

Wylan: Ma perché Inej non ha il marchio degli Scarti?

[Disagio di Inej]

Kaz: L’importante per me è che mi porti tutte le informazioni che mi servono, saranno affari suoi del perché non ha voluto farsi tatuare il marchio.

Con te non c’è verso di avere un dialogo, Kaz. Eppure ragazzi, una cosa vorrei chiedervela… Perché avete scelto di far parte di questa missione? So che è abbastanza pericolosa con il rischio di non ritorno. C’è un motivo importante che vi ha spinto a buttarvici a capofitto?

Inej: Sì. Il riscatto per la propria libertà, qualunque essa sia.

Nina: Diciamo che siamo quel tipo di giovani che amano rischiare per qualcosa che vivere per niente. O per lo meno, questo è il mio punto di vista.

Jasper: Forse il fatto di chiudere vecchie situazioni in sospeso…

Wylan: O agire per dispetto nei confronti di chi ti dice che non vali niente…

Matthias: Per me, oltre a riscattare la mia libertà, anche il mio onore da soldato…

Nina: Veramente pensi, alla fine di tutto, di ritornare a fare ciò che facevi prima di incontrare me? [sguardo fulminante]

Matthias: Nina, la gente può anche cambiare!

Nina: Ah! Ti conviene. [sguardo guardingo]

Kaz: Ci sono tanti motivi per cui ognuno di noi ha accettato di far parte alla missione. Ma se diciamo pure questo, salta tutto il piano. E gli Scarti agiscono con discrezione. [sguardo fermo e tono freddo]

Va bene ragazzi, vedo che vi ho un’attimo smorzato l’entusiasmo con questa domanda, quindi ravviviamo la situazione pensando ad un futuro più roseo!
So che quando completerete la missione, ognuno di voi avrà una bella ricompensa…
Cosa penserete di fare con quello che riceverete?

Nina: Ah io penso di spenderli in deliziosi dolcetti…

Matthias: Ma pensi sempre al cibo? Rammento che se non ti dai una regolata, potresti diventare una mongolfiera.

Nina: Beh Druskelle… se vuoi possiamo accasarci io e te, almeno mi tieni sotto controllo dal momento che ti preoccupi per la mia linea. [occhiata ambigua]

Matthias: Coooosa? Tu sei…

Nina: Non mi sembra che la mia compagnia ti infastidisca. Prova a negarlo!

Matthias: Io…

[Nina e il suo sorriso trionfante]

Wylan: Io penso di aprire una scuola di arte o di musica.

Jasper: Pensavo un laboratorio di chimica dal momento che riesci a creare degli ordigni che sono pericolosi anche per te stesso!

Wylan: Ehi, sei tu il malvivente, io preferisco fare lavori più civili!

Jasper: Infatti come malvivente penso che mi comprerò una sala da gioco e un bordello. Almeno ho gioco e vizio sempre a portata di mano!

Wylan: Oltraggioso…

Inaj: Io vorrei non dare risposta.

Kaz: Io vorrei che finisca qui l’intervista.

[Occhiata di intesa tra Inej e Kaz]

Bene.
Credo che più di così non ricaverò nient’altro. E’ stato piacevole parlare con voi!

Mi auguro che darete il meglio in questa missione siccome siete stati molto discreti a darmi tutte le informazioni…

Kaz: Ricorda Cristal, “Nessun rimpianto”…

Inej: …”Nessun funerale”.


Intervista a cura di Cristal (Recensionista Sognare).

74452424_811567075965569_5773651092072038400_n

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...