RECENSIONE: Petrademone. La terra del non ritorno (Petrademone, vol.2) di Manlio Castagna

Cari sognatori, continuiamo il fantastico viaggio con la trilogia di Manlio Castagna, edito Mondadori!!!

51MzJDrNxNL

SERIE: Petrademone, vol.2
GENERE: fantasy, narrativa per ragazzi
DATA DI USCITA: 5 febbraio 2019

Ebook / Cartaceo

Lasciato ormai il nostro mondo, Frida, Miriam e i gemelli Ober-dan si inoltrano nei regni di Amalantrah per salvare i cani spariti, ritrovare i propri cari e soprattutto Iaso, il guaritore, l’unico in grado di curare Gerico dal veleno degli uomini vuoti. Nel viaggio dentro le perenni nebbie di Nevelhem, le strade dei ragazzi si dividono e le missioni si fanno sempre più difficili. Dovranno affrontare nuove e inquietanti creature (animali vampiro, aquiloni ingannatori, ipnoratti e spettri affamati di paura; viaggiare su vascelli fantasma in fiumi di tenebra e scoprire città sbalorditive. Ad aiutarli gli intrepidi border collie di Petrademone, che staranno al loro fianco nei momenti decisivi. Numerosi saranno gli enigmi a cui dovranno dare una risposta: chi domina gli adoratori di Shulu? Perché Miriam non ha voce, ma sa far comparire parole profetiche sul Libro delle Porte? Perché il Signore degli Incubi imprigiona le anime dei bambini dietro gli specchi? I ragazzi dovranno puntare al cuore stesso del Male e disinnescarlo. Sapranno farlo senza perdersi?

RECENSIONE: Petrademone. Il libro delle porte (vol.1)

Frida, i gemelli Oberdan e Miriam hanno varcato la soglia dei regni di Amalantrah; ora, sono pronti più che mai a recuperare i cani spariti ed a salvare la vita di Gerico colpito dal veleno degli uomini vuoti. L’ impresa non sarà facile… nuove tenebrose creature appariranno sulla scena, pronte a colpire e fermare i nostri giovani avventurieri. Ma non devono temere, gli amati border collie saranno al loro fianco nei momenti più difficili. Saranno molte le prove da fronteggiare e gli enigmi da risolvere. Gli adoratori di Shulu sono pronti, il male è vicino e presto prenderà il sopravvento.

“A Frida quel posto ricordava, e non sapeva esattamente perché, il campo dei papaveri velenosi che Dorothy incontra nel viaggio verso Oz. Certo, non c’erano fiori né prati sterminati come nelle pagine del suo libro preferito. Era un sentore: quel senso di pericolo in agguato tra cose familiari e all’apparenza innocue”.

Manlio Castagna apre il suo secondo volume riprendendo la storia da dove l’aveva lasciata: i quattro giovani hanno raggiunto il mondo parallelo, sono alla ricerca dei cani scomparsi e di un guaritore per Gerico, il quale è stato colpito dal veleno degli uomini vuoti ed ora è in grave pericolo.

Mentre nel primo libro sono le descrizioni delle personalità e del vissuto dei personaggi che occupano la scena, qui sono il fantasy e la magia a prendere il sopravvento. Scopriremo che in questo mondo sono presenti creature strane e mostruose che è necessario distruggere e dominare, ma i nostri amici hanno la giusta combinazione di elementi per far fronte ai temibili mostri.

“Eravamo atterrite da quella visione e ci stringemmo l’uno all’altro in un grappolo di paura. Prima di sparare lui gridò: “Vi porterò all’inferno con me”. Il colpo mi prese al collo, e a nulla servì premerci sopra le mani”.

Sono cresciuti, maturati, hanno qualche consapevolezza in più e con un legame forte come l’amicizia… nulla li può fermare.
Si ritroveranno però divisi in quest’avventura: Frida affronterà la vicenda a fianco di Asteras, un Sorvegliante, custode della barriera che separa il mondo umano da quello parallelo; Tommy, Gerico e Miriam saranno insieme a Klam, occupati in una corsa contro il tempo per far avere salva la vita a Gerico e ritrovare i cani scomparsi.

In questo secondo volume Frida inizia a comprendere che dentro di lei si cela qualcosa di unico e raro che, se alimentato, appare essenziale per distruggere le minacce vicine. Grazie a ciò che vive e subisce si rende conto di essere una guerriera, di avere una grande forza e che tutto è possibile se lo si desidera veramente.

“È inutile. Se i cani di Petrademone spariscono, decidono loro quando è il momento di tornare…” Pausa. “Se tornare”.

Oltre alla protagonista, anche un altro personaggio, Miriam, scoprirà di avere una grande dote e di essere importante ed essenziale per il lieto fine pur essendo priva di voce.
Incontreremo poi Barnaba, il quale sarà alle prese con una situazione difficile da fronteggiare; è in prigione accusato di cose che purtroppo fatica a spiegare perché legate ad un mondo apparentemente inesistente.
Il tempo scorre, bisogna sbrigarsi, senza mai distrarsi perché il male è vicino e sta prendendo il sopravvento grazie ad Astrid che capeggia e alimenta le tenebre.

Anche in questo secondo volume, non mancano colpi di scena che terranno il lettore col fiato sospeso sino all’ultima pagina. Le descrizioni sono semplici e chiare, lo stile lineare, fresco e originale.
Ancora una volta Manlio Castagna è stato capace di stregarci e stupirci, creando atmosfere suspense ed azioni mozzafiato.
Il finale purtroppo lascia in sospeso molte faccende, ma non basta questo per fermare il lettore il quale è desideroso di scoprire il seguito e ciò che aspetterà i nostri amici ed il loro mondo.

Che dire, non mi resta che augurarvi buona lettura!
Io nel frattempo mi catapulto nel terzo ed ultimo capitolo della saga! 😀

Maia (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...