REVIEW TOUR: Brava bambina di Alessia Vecchi

Cari sognatori, fatevi toccare il cuore dal romanzo di Alessia Vecchi, edito Hope Edizioni!

87501208_10222452621415152_7177167175143129088_o

GENERE: narrativa, rosa
DATA DI USCITA: 4 marzo 2020

Sara suona come un angelo e ne ha l’aspetto. Ha incontrato un nuovo amore, Gabriele, che la fa sentire bene, la sua carriera adesso ha un futuro e può contare sull’affetto della sorella e dell’amata nipotina.
Una vita apparentemente perfetta, ma dentro Sara è fatta di fragile cristallo che rischia di rompersi a ogni respiro a causa di un passato mai affrontato. I segreti che si porta dentro la stanno distruggendo, facendola tornare di nuovo dietro quella porta, nel buio.
Questa è una storia di amore e coraggio, la storia di una donna che deve riscrivere la melodia della sua vita per poter ricominciare a vivere. Solo se troverà la forza di smettere di essere la “brava bambina” che gli altri si aspettano, riuscirà a riscoprire se stessa e a impedire che tutto si ripeta.

Gabriele si trova a parlare di alcuni episodi del suo passato con il padre. Suo padre, che è anche uno stimato psicologo, tenta grazie al racconto del figlio, di aiutarlo a fargli prendere coscienza di alcuni aspetti importanti.

La storia è quella di Sara e del suo rapporto con Gabriele, un rapporto che è un po’ faticoso per via del suo passato che cerca di nascondere a tutti, e anche a se stessa.
La chiamano la bambina prodigio per la sua bravura al  pianoforte. Ma ad un certo punto della sua vita decide di prendersi una pausa dai vari impegni lavorativi per fare una vita  più tranquilla, ed è proprio in questo periodo che conosce Gabriele.
Lui non è come tutti gli altri, e diventa da subito una persona importante. Ci sono però dei momenti in cui Sara non sembra più essere la stessa, come se avesse dei vuoti in cui perde il contatto con la realtà…

‟… Quello che tu non sai è che la tua mente agisce per farti sopravvivere. Scinde in due la tua esistenza, senza che tu te ne accorga a pieno. Sai che sta succedendo qualcosa che non va bene, qualcosa che non è normale, ma in fondo puoi sopportarlo. Non succede tutti i giorni. In fondo, non succede sempre ˮ.

Ed è il passato che troppo a lungo taciuto cerca di ritornare a galla. Tutto per ricordarle di dover essere sempre la brava bambina, obbediente, così come le era stato insegnato fin da piccola.

Quello di Sara è un passato mai affrontato, che non gli permette di vivere appieno il presente, ma capirà a proprie spese che solo se smetterà di fare la brava bambina, di ribellarsi agli ordini sempre imposti dalla famiglia, solo questo le permetterà di essere libera ed iniziare a vivere una vita normale. Ci  potrà riuscire solo con una grande forza, la stessa forza che le insegnerà ad avere Gabriele.

Il libro è un alternanza tra il racconto di oggi e quello di prima. E attraverso la storia raccontata in prima persona, prima da Gabriele e poi da Sara, si riuscirà poco alla volta in modo molto lento, a scoprire il loro passato che per gran parte del libro si riesce solo ad immaginare. Il tutto, infatti, verrà svelato apertamente solo alla fine.

I racconti sentiti ognuno dal proprio punto di vista vengono intervallati da un altro racconto. È quello che ci viene descritto, sempre  in prima persona,  da una bambina che ricorda la sua infanzia svelando una triste realtà vissuta.

‟…da bambina pensava che quello che faceva con lui le si potesse leggere in faccia, come un marchio sulla pelle. Ma ora sa. Le persone non guardano. Le persone non vedono. Le persone non ascoltano ˮ.

Lo stile con cui è stato scritto il romanzo è molto semplice, e usa parole di facile comprensione. Nel complesso sembra assumere la forma di un genere rosa – romantico. Infatti, gran parte del libro lo è. Ma nello sfondo si avverte sempre una nota carica di tensione.

Non è una storia comune di ragazzi. È una lettura che richiede tempo, senza avere fretta di capire tutto e subito. Questo per evitare di giudicare in modo affrettato, è necessario dare spazio alle parole per poterci spiegare, comprendere le situazioni che si vanno a creare ed entrare in sintonia con le personalità di ognuno di loro. Arriviamo a capire come un’educazione rigida e delle volte sbagliata può portare a far crescere dei ragazzi problematici.

Lo consiglio a tutti coloro che amano il genere romantico ma allo stesso tempo amano intrattenersi con una lettura impegnativa.

Nancy (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...