ANTEPRIMA/RECENSIONE: Twin Game. Quando la fede non basta (Twin Game, vol.2) di Brenda Mill

Cari sognatori, finalmente dopo 3 anni laceranti di attesa, Brenda Miller ci dona il seguito del suo romanzo… e noi in ANTEPRIMA ESCLUSIVA ve ne parliamo!!!

FB_IMG_1582365218110

Genere: erotic, suspense
Data di uscita: 14 marzo 2020

Ebook

Rifiuteresti la benevolenza di Dio in nome delle gioie e dei tormenti dell’amore carnale?

Sono trascorsi circa vent’anni dall’apparente fine della faida familiare tra i gemelli Lost, eppure Ethan, dopo essere convolato a giuste nozze con Alyson, non sembra affatto felice. Così come non lo è nemmeno padre Adam. Forse perché ha compreso che tutto ha un prezzo. La vocazione perduta, la fratellanza tradita, l’amore terreno. E lui quell’importo oneroso non sembra più disposto a pagarlo. Almeno finché nella sua vita non appare Sharon, sorella gemella, identica in ogni minimo e insignificante dettaglio a Lauren, la ragazza per cui un tempo aveva pensato persino di abbandonare la Chiesa. Ma le due non si assomigliano affatto se non per questioni meramente estetiche. Lauren era affabile, benvoluta da tutti, un esempio da stimare e da seguire. Sharon, invece, è una delle donne più belle, ricche, sexy e influenti di New York. Sharon non fa tenerezza, fa paura. Perché le donne come lei la fanno sempre. Quelle come lei non hanno bisogno né di un principe né di un sacerdote. Quelle come lei si perdonano da sole, se proprio devono.
Padre Colton nutre delle serie difficoltà nel comprendere che tutto ha un prezzo soprattutto quando incontra Caroline, la parrocchiana più trasgressiva della propria canonica, oberata nell’animo da una marea di peccati, inudibili per un giovane sacerdote ignaro del potere della passione e della lussuria. Tutto ha un prezzo e lei, bella come il sole, desiderata e strapagata per concedersi agli uomini più potenti e perversi di Annapolis, è pronta a presentare il conto anche a lui.

RECENSIONE: Twin Game. Quando l’amore non basta (vol.1)

“Congiungersi a Padre Adam è un po’ come toccare il cielo con un dito il secondo prima e sprofondare all’inferno con un passo quello dopo”.
Cit-Sharon Boyle.

Brividi, lacrime ed il forte rombo del mio cuore mi guidano ora qui a parlarvi di uno dei romanzi di cui più ne ho atteso le pagine, che di più mi hanno lacerato il cuore, devastato, anniento e resuscitato!

Tre anni a pormi domande, un giorno per carpirne i segreti e scoprire le oscure lande di un baratro senza fine ove le fiamme dell’inferno sarebbero una benedizione portando a scontare la tua condanna, invece sono il nero terso del vuoto senza fine ad abbracciarti, dove i demoni banchettano non con la tua carne ma con la tua anima infliggendoti la più dura ed eterna delle pene.

Brenda ci apre le porte alla scoperta di Padre Adam, un uomo contorto, un prete profano, un’anima volta solo all’odio e la vendetta dove qui a distanza di vent’anni dal suo ultimo incontro lo troviamo come una pecora smarrita in una landa desolata fatta di incubi, colpe e disperazione.

Dio esiste ma, forse troppo spesso, decide di andarsene in ferie e di chiudere gli occhi persino sulle disgrazie che accadono a coloro che non gli hanno dedicato solo del tempo prezioso, ma persino la loro stessa vita.
Forse mi sbagliavo.
Il tradimento più grande non era il mio.

L’uomo che mi ha rapito il cuore in un certo qual modo ha perso il suo smalto… attenzione non si è redento, bensì affoga sempre più nella melma stessa fatta da quelle scelte che in passato lo hanno reso solo, un fantasma per quella che era la “sua famiglia”… un fantasma nella vita… un fantasma agli occhi di Dio… quel Dio che anni addietro ha giurato di servire sotto una falsa promessa di lodi e amore, ma che in realtà di nascosto è di vendetta e rivalsa.

card 3Ma tutto ciò che è stato ed è, sbiadisce al cospetto di colei che rispunta dalle ceneri del passato… è la regina della vendetta, la maestra degli inganni, la donna che fa impallidire e sbiadire al loro confronto le vipere della famiglia Lost, a me molto impresse.

Sharon, un nome che il solo pronunciare mi mette i brividi, una donna che mai ad essere sincera vorrei trovare sulla mia strada… lei che se per sbaglio hai la sfortuna di finire nel suo mirino, il termine “banchetterà con la tua carcassa” calza perfettamente. Lei è il risultato di quell’atroce evento che anni fa ha cambiato l’esistenza di tutti coloro coinvolti, lei viva grazie alla “scelta del destino” di donargli una seconda possibilità…

In fondo è sempre e solo una questione di tempo.
Che si tratti di vendetta, di rinascita o di rivincita.
Che si tratti di odio, di amore o di chissà che cosa.

In queste pagine non c’è speranza, qui troviamo un abile gioco di raggiri, bugie, inganni volti all’annientare tutto ciò che la famiglia Lost è… distruggere qualsiasi labile legame ancora esistente tra i componenti di questa famiglia allargata.

Nessuno sfugge a questa intricata tela di ragno dove a regnare sovrana non è una tarantola ma un “Cobra Constrictor” che sempre più ti stringerà nella sua morsa, come un cappio al tuo collo fino a soffocarti molto lentamente, godendo delle tue grida agonizzanti.

Devo dire che un viaggio all’inferno sarebbe stato meno doloroso, poiché uno a uno si vede crollare ogni più piccolo appiglio di salvezza… eventi che uno dopo l’altro porteranno non solo alla distruzione materiale, ma anche quella emotiva del lettore e dei personaggi, devastazione che rimette in discussione tutte le traversie e scelte del passato lasciandoti smarrito in balia di un terremoto distruttivo.

Io e Adam, evidentemente, non facciamo altro che viaggiare su due linee opposte.
Due linee opposte che mai e poi mai s’incontreranno.

Toccare il fondo siamo sicuri di cosa possa significare veramente?
Qui ove la decadenza ed il peso del passato non hanno limiti, qui dove i demoni nella notte ti perseguitano, qui dove al peggio non c’è mai fine e la vendetta è un piatto servito freddo… anzi una portata glaciale ormai è quasi servita!

Vivere o morire?
Verità o bugie?
Passato o futuro?
Quanto l’intreccio di tutto ciò può devastare e portare all’oblio assoluto?
Quanto essere ciechi a volte è meglio di vedere veramente?
Quanto quella oscurità in cui si è cresciuti è più confortevole della luce della speranza che bussa alla nostra porta?

«Forse non ero neanche il tipo da farsi prete, eppure guardami qua!», esclamo, facendo spallucce.
«Sì, ti sto guardando, Adam. E ora ti vedo per quel che sei veramente»

card 7.1La scrittrice ci pone di fronte a noi non solo due personaggi tanto simili quanto diversi, tanto legati quanto recalcitranti alla verità, ma anche all’autodistruzione e all’annullamento degli stessi, loro come anche chi li circonda… infatti indubbiamente ciò a cui tutti sono accomunati è lo smarrimento ed il voltare le spalle ai voti fatti, delle scelte prese, una lotta serrata di odio, vendetta e rivalsa assoluta. Ci svela quanto sia in grado di fare un animo umano ferito ed anche l’umanità in esso celato…

Assurdo che dopo tutto ciò che vi ho scritto finora parli di umanità… eppure è così… una profondità di sentimenti così forti da lasciarti senza fiato ed interdetto, parole profonde e pure che rapiscono e trafiggono il tuo cuore, che celano dei sentimenti così viscerali, unici da lasciarti senza fiato, assolutamente sconvolto e perplesso al tempo stesso.

Come concludere senza rischiare di ripetermi, senza rischiare di spoilerare, senza parlavi di ogni singolo evento, di ogni personaggio ad ivi coinvolto che vi sconquasserà mente e cuore, che vi porterà a riflettere e ad immedesimarvi in loro così profondamente da esservi avvinti in maniera capillare, midollare, un tutt’uno così intenso che vi stravolgerà…

In fondo me la merito anche io quel piccolo angolo di paradiso che tutti cercano, che sia tra le braccia di un angelo o di un demone poco mi deve importare.
Anche Lucifero era uno dei migliori servitori di Dio e abbiamo tutti visto com’è andata a finire la storia.
Ha reso il suo eterno avversario ancora più potente e acclamato.

card 6Indubbiamente l’attesa ne è valsa la pena poiché l’evoluzione della scrittura della scrittrice contribuisce e rende magistrale questo suspense romance con la sua indiscutibile particolarità di concentrarsi esclusivamente sui personaggi, tralasciando descrizioni forvianti. Brenda, come nel primo volume, catalizza su di loro la nostra attenzione non mollandoci fino alla fine, un finale che mai mi sarei aspettata e che pure porta in me già nostalgia verso coloro che per anni sono stati oggetto della mia ossessione sfrenata, ma anche lasciandoci un po’ in sospeso per un personaggio particolare di cui spero tanto conoscerne l’evoluzione.

Che dire… solo leggendolo potrete capire le mie pene provate, il mio amore smisurato per queste pagine, qui ora dove tra cuor leggero e dolorante vi lascio, con la mente ancora in subbuglio per ciò che ha vissuto, con una moltitudine di pensieri che mi frullano, ma con il sorriso sulle labbra e lacrime pure, vere, insensate forse… ma che non smettono di scendere per loro… ❤

Il dolore… è una droga che conosco molto bene e di cui ogni essere umano una volta che l’ha assaporato in giovane età non riesce più a farne a meno.

Michy (Blogger Sognare).

Questo slideshow richiede JavaScript.


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...