RECENSIONE: L’attimo in cui ti ho rivisto di Erika Sole

Cari sognatori, emozionatevi con la dolcezza che sprigiona il romanzo di Erika Sole!

515qjJh6imL

GENERE: contemporary romance
DATA DI USCITA: 18 ottobre 2019

Ebook / Cartaceo

Hazel ha sempre amato Bakewell, il piccolo paesino di tremila abitanti che l’ha vista nascere e crescere. A Bakewell non ci sono segreti: tutti conoscono tutti e questo Hazel lo sa benissimo. In quel paese però, ci ha lasciato tutto tra cui i fratelli Blake: Brandon e Konnor, apparentemente simili ma molto diversi caratterialmente. Con quest’ultimo ha sempre avuto un rapporto particolare fatto di scherzi e risate. Le loro giornate si sono sempre susseguite felici e spensierate fino a quando, un giorno, Hazel non ha deciso andarsene per studiare altrove. E poi tutto è cambiato.

Riuscirà Hazel una volta tornata a casa a fare i conti con il passato?
E se tornare non fosse come immaginava?

Hazel è un’abitante di Bakewell, un piccolo paesino bagnato dal fiume Wye che sembra uscito da una fiaba, dove tutti sembrano esser felici.
Konnor e Brandon sono amici di Jason, fratello di Hazel, e di conseguenza sono anche suoi amici.
Konnor è quello dal carattere più difficile, ma anche quello con il quale Hazel ha trascorso più tempo, infatti, tra scherzi e risate sono cresciuti insieme, come due migliori amici.

“Brandon si avvicina e mi abbraccia inebriandomi col suo profumo, dolce tanto quanto lui. Chiudo gli occhi per un secondo beandomi del momento. «Piccola Hazel, cosa ci fai da queste parti?» incrocia le braccia al petto e mi osserva. Konnor rimane in disparte dietro di lui e ascolta senza proferire parola. «Sono tornata.» annuncio e arrossisco. Perché è questo l’effetto che fa Brandon, ti fa diventare un peperone rosso.
«Allontanati da mia sorella Brandon.» minaccia Jason lanciando un attrezzo nella sua cassetta degli attrezzi. «L’ho soltanto salutata!» alza le mani, come se non avesse alcuna colpa. Rido alla vista di questa scena e sposto di sfuggita lo sguardo su Konnor, che sembra essere in uno stato di trance. «Tu sei sempre molto socievole vedo.» pronuncio fissandolo. Si acciglia «tu sempre la solita stronza» risponde sbuffando. «Perfetto, sei ancora tu.» alzo gli occhi al cielo.”

Questa è l’accoglienza che riceve Hazel dai suoi amici, o di quelli che ricorda come tali.
Dopo tutti gli anni trascorsi lontano da Bakewell per motivi di studio, ritornare a casa per Hazel è un po’ come essere ritornata adolescente, ma con il corpo di donna… ed in paese un po’ tutti se ne accorgono che non è più la bambina di un tempo.
Anche i suoi amici sono un po’ cambiati, specialmente Konnor lo trova un po’ scostante, eppure un tempo erano tanto amici!

“Non proferiamo parola per i primi minuti. Poi non ce la faccio più e scoppio. «Mi spieghi cosa ti ho fatto?» sbotto infastidita, ma anche curiosa di saperlo. Non avevamo questo rapporto prima di partire. Eravamo quattro persone talmente legate che sembravano una famiglia. «Cosa te ne importa?» incrocia le braccia. «Importa invece. Non ti comportavi così, prima che io partissi!» ribatto. «Infatti. Prima che partissi. Ora sono cambiate tante cose.» controbatte. «Allora spiegami!» continuo a cercare di fargli dire qualcosa. «Non ti dirò un cazzo di niente Hazel. Stammi alla larga!» mi ringhia contro. Rimango di stucco e non dico una parola, mi volto dandogli le spalle e restiamo in silenzio. (…)
«Konnor. Sembra che tu mi odi.» sussurro e ho quasi paura della sua risposta. Scioglie le braccia, le rilassa e si avvicina lentamente. Mi sposta una ciocca di capelli dietro l’orecchio e, proprio quando sta per dire qualcosa sentiamo Grant urlare «Tempo scaduto!» si allontana di colpo e mi sento quasi vuota da quel gesto, scombussolata.”

Proprio durante uno dei soliti giochi che facevano da ragazzini, il gioco dei Sette Minuti in Paradiso, che Hazel scopre che la sua amica Lori è innamorata persa di Brandon, il ragazzo di cui lei è convinta di aver avuto una cotta adolescenziale.
Quante novità si è persa?

“Si ferma ad osservarli.
Loro sembrano normali, si sono visti ieri, anche l’altro ieri ed un mese prima, lei non li vede da anni… A quanta vita dei suoi amici, non ha partecipato?
Era convinta che ritornando a Bakewell tutto ritornasse a quello che era la sua vita di un tempo.
Ma la vita non va così, non si ferma ai suoi ricordi, non si ferma a quello che lei pensa di essere stata un tempo per i suoi amici… ma questi cambiamenti non preoccupano Hazel che decide di riprendersi la sua vita di un tempo, arricchendola con l’esperienza acquisita negli studi, e la sua passione per la pittura.”

Poi qualcosa cambia…
Cambiamo noi, ed il modo di vedere gli altri.
Impariamo a leggere il loro modo di muoversi, di parlare, di atteggiarsi, e spesso li sentiamo un po’ nostri, perché ci sono entrati così dentro, che sembra facciano parte anche dei nostri atteggiamenti.

Un po’ quello che capita ad Hazel che si ostina a non capire cosa sia successo a Konnor, che fa di tutto per evitarla.
Ma la verità è che Konnor la tiene lontana perché non vuole soffrire ancora.
Perché non ha il coraggio di dirle la verità… la sua verità!

“Quando qualcosa si insedia dentro di te, puoi chiudere quante volte vuoi la porta, ma le fessure lasciano sempre uno spiraglio, un foro da cui far trapelare tutto. E ogni cosa viene rimescolata e si finisce sempre lì, a cercare un senso a qualcosa.”

Hazel riuscirà a realizzare il sogno di essere sempre libera e creativa?
Konnor riuscirà a realizzare invece il suo sogno di vita accanto ad Hazel?
Riuscirà a confidare alla sua amica di un tempo che è sempre stato innamorato di lei? E riuscirà a realizzare il suo desiderio di farsi una famiglia?

Una bellissima storia d’amore, un po’ insolita, che mi ha dato la possibilità di scavare nel carattere dei personaggi, con i loro sogni, le loro ambizioni e le loro paure, e raffrontarli un po’ con la mia di vita.

Facciamo sempre un sacco di corse per accontentare gli altri, e quando pensiamo di fare qualcosa per noi, tutti pensano che siamo egoisti e che “la vita non gira solo intorno a noi”… Infatti è vero, la vita va avanti, dopo tutto e tutti.
Va avanti, con i nostri successi, con le nostre gioie, con i nostri lutti, con le nostre paure, con i nostri dolori, con le nostre giornate sì e pure con quelle no, va avanti sempre.
La vita non ci aspetta…

Una storia dove finalmente il sesso, non ha il suo ruolo principale, dove l’Amore esiste anche senza quel pizzico di sale o pepe che arricchisce le pietanze della vita.
Una storia dove si può essere genitore anche non generando un figlio, e semplicemente perché è quel figlio che sceglie noi…
Una storia tutt’altro che banale, che vale veramente la pena di leggere almeno una volta nella vita! ❤

Maria (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...