REVIEW PARTY: Remember Tiffany di Francesca Baldacci

Cari sognatori, eccovi il tenero e dolcemente nostalgico romanzo di Francesca Baldacci, edito Collana Literary Romance!!!

4134XFnkMYL

GENERE: contemporary romance
DATA DI USCITA: 25 marzo 2020

Ebook / Cartaceo

Sta per tornare l’estate, Angy si trova con le zie, Camilla e Gisella, per una nuova stagione all’hotel Tiffany, di cui le due sono titolari. Angy è curiosa circa il loro passato di albergatrici e di quando erano ragazze, negli anni Sessanta, e i genitori erano proprietari di una pensioncina a San Benedetto del Tronto chiamata Sole & Mare. Oltre a lavorare, le sorelle, si divertivano: la spiaggia pullulava di bei ragazzi! I tempi, certo, erano diversi. Gisella rievoca quel periodo, e in particolare l’estate del 1962: ha diciotto anni, sua sorella Camilla sedici. Gisella è la più gettonata fra le due, però molto diffidente in amore per via di Lele, con cui l’anno prima aveva trascorso un’estate fantastica. Ma Gisella ha anche un carattere tosto ed è più in forma che mai e quando Lele ritorna, con l’aria di voler ricominciare, lei non ci sta. L’estate promette grandi cose: le due sorelle aiutano i genitori in hotel, poi escono, si divertono, vanno al cinema, alle feste danzanti, partecipano ai concerti di Peppino Di Capri, di Mina. Intanto anche Camilla fa le sue conquiste: ama Rodolfo che lavora in un bar molto in voga in quel periodo, il “Blue River”. Tornate ai giorni nostri, le zie raccontano ad Angy il resto della storia. Intanto, la stagione nuova dell’hotel Tiffany sta per cominciare…

In questi giorni molto particolari, una lettura fresca come questa è quello che ci vuole per alleggerire la mente e portarla alla stagione più amata, l’estate, dove ogni sogno d’amore può regalare forti emozioni soprattutto per due giovani ragazze di 16 e di 18 anni.
Oltre che un viaggio estivo è anche un viaggio emozionale negli anni del boom economico dove si era tutti un po’ più ingenui e bastava un gettone al Juke-box per poterti divertire. Gli anni ’60 caratterizzati da dei ricordi musicali che appartengono alla storia della famiglia di ognuno di noi e che piacevolmente scandiranno una piacevolissima colonna sonora che accompagnerà questa lettura gradevolissima!
Sono certa che leggerlo vi porterà alla mente quei film tanto in voga in quegli anni, i “musicarelli” che io tanto ho amato!

Per la giovane Angi l’albergo delle zie è un piacevole punto di riferimento, reso speciale anche dai richiami agli anni ‘60 e l’ispirazione al famoso film “Colazione da Tiffany”. La curiosità verso la storia di queste zie la spinge a farsi raccontare l’estate del ‘62 quando eranomgiovani ragazze con tanta voglia di scoprire la vita.

Gisella era la più grande, un vero peperino, esuberante, bellissima e molto corteggiata. L’anno precedente era stata delusa da Lele ma stavolta era pronta al suo riscatto.

“Gisella si considerava una diciottenne del suo tempo, degli anni Sessanta. Una tizia emancipata, al passo con gli anni, che non sognava l’abito bianco, anche se sua madre e zia Adalgisa le ripetevano che per una donna l’unica vera realizzazione era il matrimonio. Uff. Per lei non era proprio così. Seguiva con interesse quel che succedeva alle donne nel mondo, per esempio. E aveva capito che esisteva anche un altro modo per essere felici, non per forza il matrimonio. Con tutto ciò, un pizzico di romanticismo,”

Durante l’inverno Lele era sparito come una magia d’estate e lei era stata male davvero, si era ripresa con difficoltà e ora lui era tornato come nulla fosse, ma come credergli quando l’orgoglio le dice di no e il ragazzo più ambito della spiaggia inizia una corte spietata.

“Duccio. Inarrivabile, anche se a volte le lanciava certe occhiate da paura. Sentiva che le andavano in fiamme le orecchie, le guance, perfino i capelli cotonati. «Ciao, splendore.» Ecco qui. Con la sua lunga, lunghissima, avvolgente occhiata. D’istinto, Gisella sollevò la spallina dell’abito che le era scivolata sulla spalla, così come quella del reggiseno. E che diavolo. Non la smetteva di spogliarla con gli occhi, quel mandrillo luciferino?”

Camilla invece è la sognatrice… più riservata rispetto alla sorella e con una grande cotta per il bel Rodolfo. In lei prevale un forte senso di responsabilità verso la sorellina e verso il suo lavoro, ma anche la voglia di vivere il suo sogno romantico che sembra sempre ostacolato.

“Camilla pensò in quel momento che avrebbe chiuso volentieri l’orgoglio in un cassetto, per correre fra le sue braccia, dirgli che lo amava e baciarlo, magari. Ma quel che era troppo, era troppo. Un pizzico di dignità voleva mantenerlo. Lo lasciò andare via, con la morte nel cuore, mentre ottimisticamente pensava che altre occasioni si sarebbero presentate, sicuro. Ma quando?”

Ma tra le due il personaggio più bello di tutto il romanzo è la meravigliosa Roberta, una bimba di 4 anni dalla risposta pronta, capace di osservare il mondo con i suoi occhietti furbi ed a combinare guai esilaranti con la sua linguetta sincera e diretta.

Rivivrete tutto nei minimi dettagli, dall’ambientazione, al modo di vedere la vita, dai gusti musicali, ai sogni e progetti del tempo.
Sono amori a tratti ingenui se paragonati alle storie che leggiamo oggi ma sanno racchiudere una magia che parla di valori veri. Sembra assurdo strappare un permesso per un’ora e portarsi dietro la sorellina o fa tenerezza tirare un sassolino alla finestra per lasciare un bigliettino. Una scusa per scambiarsi sguardi mozzafiato che dovevano dire più di tante parole che non era possibile nemmeno pensare.

I dialoghi sono molto accurati e ricordano molto un linguaggio con dei termini che ripercorrono quei tempi e che strapperanno più di un sorriso.
Per chi conosce quest’autrice sa che questo romanzo è preceduto da altri due dove sono comparse le stesse protagoniste ma ai tempi di oggi… sta di fatto che è possibile leggerlo autonomamente.

Mi sento di consigliare questa lettura alle giovani donne di tutte le età perché non c’è un tempo prestabilito per poter sognare e ognuno vi troverà un motivo per apprezzarlo e goderlo appieno.

Alla prossima lettura! ❤

Rosanna S. (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...