ANTEPRIMA/REVIEW TOUR: Sesso, Hawaii e cliché di Barbara Parodi

Cari sognatori, oggi vi regaliamo in ANTEPRIMA il fresco e frizzante romanzo di Barbara Parodi, edito O.D.E. Edizioni!!!

51XD6IXXjeL

GENERE: chick lit
DATA DI USCITA: 30 luglio 2020

Ebook

Se esistesse un incipit adatto a questa storia, parafrasandone uno famoso, sarebbe il seguente:

È una verità universalmente riconosciuta che se nella casella della posta trovi una busta quadrata in carta spessa e di colore avorio qualcuno che ti conosce ti vuole male.
Tutto ha avuto inizio con quella dannata lettera, ma diamine! Se tornassi indietro l’aprirei ancora cento volte.

Ci sono dei libri che ti sanno catturare fin dalla prima pagina, complice uno stile effervescente, ironico e tanto vero. Pagine che ti strappano dal torpore scuotendoti dentro, ricche di onestà e spunti di riflessione mai banale. In pieno stile O.D.E. Edizioni la personalità spumeggiante, istrionica, ma tanto fragile di Mina non può non rendervela speciale ai vostri occhi.

“«Lo so che è sbagliato.» Si staccò appena e respirò nella mia bocca. La voce rotta, abbassata. «Ma voglio sbagliare.» Sorrisi nel sentirglielo dire. Eravamo l’uno lo sbaglio dell’altra, ma in quel momento sembrava per entrambi la cosa più giusta da fare. Poteva essere un errore viversi così? Perché? Perché gli altri ci avrebbero giudicato?’

Tutte noi nella vita per scelte varie nascondiamo le nostre fragilità dietro una corazza di spavalderia, dietro un’ironia pungente schietta e diretta che sa arrivare al cuore delle questioni. Ma arriva quel momento della giornata, che per Mina è la doccia, dove la corazza cade e si fanno i conti con le proprie debolezze e fragilità.
È facile mostrarsi sfrontata agli occhi del mondo per provocarlo, ma spogliare la propria anima mostrando solo la parte più vulnerabile di noi è la cosa più difficile.

Mina da ragazza ha scelto di mettere da parte i suoi sogni per costruirne di nuovi dietro una facciata, un alter ego che agli occhi del mondo la rende sicura di sé, volutamente provocatoria, dalla risposta pronta.
Eppure come dice una canzone “certi sogni sono come le stelle, irraggiungibili se vuoi ma quanto è bello alzare gli occhi e vedere che son sempre là.”

Quella felicità che ha negato a se stessa con tutte le forze bussa di nuovo alla sua porta complice un viaggio inaspettato e dei risvolti impensabili…

“Quel contatto, quella vicinanza mi fece terribilmente male. Il mio cuore apprese per primo ciò che il cervello ancora faticava a comprendere: desideravo stare con lui, volevo che mi abbracciasse. Agognavo le sue mani sul mio corpo, intente a esplorarlo centimetro dopo centimetro, sentirne il calore e la stretta salda. Volevo che mi appartenesse e sapevo che non era possibile.”

Per lasciare spazio ad una nuova speranza Mina dovrà fare i conti con se stessa, spezzare delle catene del passato e riaffacciarsi alla vita.
Se questo è il percorso in cui accompagneremo la nostra protagonista il come avviene è tutto un programma… Sarà un viaggio dentro le emozioni, ricco di momenti di grande passione che infiamma i sensi, di disavventure epiche che vi faranno morir dal ridere, ricco di gaffe esilaranti in come solo nelle confessioni tra donne si può fare.

Ho amato molto questo romanzo dalla scrittura impeccabile, con una capacità di essere fuori dalle righe ma tanto vero. Guarderete il mondo con occhi diversi… ops, forse esagero ma le orchidee certamente.

«Senta, io non spendo soldi per un trittico di vagine in vetro soffiato. Quel servizio da tè» annunciai indicandolo. «Bancomat.» Sillabai ogni parola e, avrei potuto giurarlo in tribunale, al vagine la ragazza ebbe un sussulto. Alla fine uscii dal negozio con il mio servizio da tè, fregandomene della stracazzo lista di nozze.”

Condividere i propri pensieri con quelli di Mina sarà inevitabile. Quale donna con un minimo di cervello single non si sentirebbe una tappabuchi in un matrimonio?

“Non avevo voglia di trascorrere una giornata a sudare, a brindare, a chiacchierare e sfondarmi di cibo per la felicità di qualcuno che, con ogni probabilità, mi aveva invitata solo per fare numero. E poi nemmeno ci credevo nei matrimoni.”

Ma vorrei ricordare alla nostra protagonista che se sei single, non t’invitano per averti al loro fianco o per far numero… no no, Mina da amica te lo dico, sei del sud t’invitano per la “busta”… 😛
E poi chi non vorrebbe innamorarsi in una vacanza da sogno dove niente e nessuno è quel che appare ma tutto può trasformarsi in un sogno d’estate.

Lasciatevi travolgere dalla dolce ed irruente follia di Mina e come lei vi insegnerà siate orgogliose di chi siete, delle vostre scelte per non rimpiangere mai di aver vissuto una vita scelta da altri.

Alla prossima lettura! ❤

Rosanna S. (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...