RECENSIONE: La casa di incubi e stelle di Chiara Casalini

Cari sognatori, venite a scoprire lo stravolgente romanzo di Chiara Casalini!!!

Man in jacket and girl

GENERE: criminal romance, new adult
DATA DI USCITA: 21 giugno 2020

Ebook / Cartaceo

Simone si è costruito una nuova vita a Las Vegas assieme a Sonia, combattendo nel circuito MMA. È lei, però, a riportarlo in Italia per il funerale del padre, che ha segnato in modo indelebile la loro esistenza. In un anonimo paese di provincia, un passato di violenza e criminalità tormenta il protagonista, bussando alla porta con un nome e un regalo. Sonia scoprirà la vita da cui Simone l’ha sempre tenuta lontana, come fratello acquisito prima e come amante poi.
In bilico tra distruzione e rinascita, tra dipendenza e ossessione, a cosa li condannerà ancora il destino?

DISCLAIMER: Il romanzo contiene scene e linguaggio espliciti. La lettura è consigliata a un pubblico adulto e consapevole.

«Se la vita è una puttana, fottitela e picchia più duro.»

Sono pagine molto particolari, dove il dolore, l’ossessione e gli incubi di un passato remoto ma mai scordato tornano ad irrompere prepotenti e riaprire quelle ferite mai cicatrizzate, ma solo ammantate sotto una coltre di rabbia e sangue.

 Sono un animale incattivito, senza speranza. 

Chiara ci trasporta in un inferno confuso dove la realtà si confonde con il passato e l’uomo nero torna a mietere a distruggere. Non tanto in realtà, quanto ciò che è il risultato di ciò che è stato… eventi, traumi, scelte e amore che hanno plasmato Simone per ciò che è oggi. Lui è tre risvolti della medesima persona; Simone il bambino che che all’età di sette anni si è ritrovato a cambiare vita, un nuovo padre, ma soprattutto una stella brillante da proteggere Sonia la sua sorellastra. L’altro è il ragazzo che è andato in America a realizzare il suo sogno ed entrare nell’UFC, l’ultimo è ciò che alberga nel suo passato, il Randagio, colui che tanti errori ha fatto, imboccato il viale sbagliato ed oscuro scelte e azioni che lo hanno reso privo di vincoli e morale…

Credevo fosse la violenza la mia dipendenza, il dolore, ma avevo Sonia.
Senza, cosa resterebbe di me?
Tre mesi, un inferno.
Per questo sono venuto e per questo sono rimasto.
Non riesco a staccarmi da lei, maledizione.
È una droga!
È ossigeno.

Ciò che ci troviamo ad affrontare qui è un guardare in faccia i propri demoni, il proprio io, riuscire a trovare pace ed andare avanti, ma è semplice a parole non nei fatti, poiché quando ti ritrovi nuovamente al punto di partenza ti rendi conto che andartene non ha risolto nulla… la porta mai è stata chiusa e ora richiede nuovamente il tuo tributo.

Simone/Il Randagio è la scissione di questo personaggio, dove il peso delle colpe che gravano sulle sue spalle è grande, ma al contempo ciò riconduce a una scelta cardine, fatta anni addietro dove la Bestia si celava fra i muri di casa e che ha posto se stesso come tributo per salvare da tale abominio Sonia.
Sono rimasta molto attonita dal caos del suo animo, poiché egli stesso si definisce un mostro e in effetti forse gli si potrebbe pure dar atto, eppure in realtà è sempre stato volto al sacrificio di se stesso per gli altri. Non persone qualunque,sia chiaro, ma per chi in quel contesto di vita, in quel giro oscuro non doveva neanche metterci piede ed ecco che le azioni aberranti mutano di visibilità cosa di cui lui non riesce a vedere, troppo compresso dalla rabbia che tiene dentro ed il disgusto per se stesso.

Sei la mia dannazione, Sonia.

Tutto si svolge qua in Italia al culmine della chiusura di un capitolo oscuro ma che pure come detto all’inizio riapre ferite, poiché ritornare comporta seppur non volente l’entrata in scena di quei personaggi e quella vita fatta di illegalità e sangue. L’unica sua “ancora” è Sonia, ma al contempo il più pesante dei fardelli interiori, poiché ciò che era una sorella seppur non di sangue anni addietro è diventata ossessione e passione sfrenata, colei che chiama sorellina, in realtà è la metà della sua anima di cui benché si senta abominevole e negli anni ha cercato in vari modi di scindere questo latente carnale non c’è mai riuscito poiché lei è l’aria stessa che respira, è la sua famiglia, la sua principessa, il suo tutto…

Il suo petto martella sotto il mio e fa male.
Vorrei poter trovare una soluzione a questa cosa, però non ci riesco.
Per me è mia sorella e il mio tutto, una stella che ha sempre brillato troppo vicino a me.

Devo dire che nelle prime battute alla parola sorella sono rimasta stordita non poco, poiché insomma sarebbe un incesto, non che mi scandalizzi, però un po’ ci resti ma fin da subito è ben chiaro poi che così non è e ti ritrovi risucchiato in un vortice, che tra dolore e rabbia ti trasporta letteralmente in un incubo senza scampo, ricordi del passato che pongono più volte il dubbio della sanità mentale del protagonista è che pure ben sono comprensibili le dinamiche di risposta e comportamento, anzi diciamo che per certi versi poteva andare peggio visto il giro in cui si è infilato.
Simone non si può se non comprenderlo e capirlo, alla fine in me ha trovato approvazione, poiché le violenze “solo” ad affrontarle e sopravvivere seppur discutibili certe azioni di rimando erano pure terapeutiche. Chiara ci configura una verità reale attraverso ciò che sono le vittime silenziose dietro una porta chiusa che al contempo sono così assoggettate e legate al mostro da non muovere un dito per salvare se stesse o il sangue del proprio sangue e ciò lo trovo aberrante giuro, soprattutto poi a fronte della verità sbattuta in faccia mi chiedo come possano convivere con se stesse.

Ossessione o dipendenza ha detto Ryū.
Ossessione e dipendenza, credo sia la definizione più giusta.
Non me ne frega un cazzo, mi basta averla.

Sonia è un personaggio che non viviamo direttamente ma che è il centro di tutto, una ragazza solare e piena d’amore, descritta dagli occhi e dai ricordi di Simone, debole e da proteggere, ma che poi ad oggi lui stesso andrà a scoprire una persona diversa, infatti è il risulta di una crescita all’interno di una coltre di bugie, ma che al contempo ha una mente straordinaria ed intelligente, che sa trarre in inganno con una maestria stupefacente, con un cuore immenso e luminoso, una guerriera, un angelo dorato con una armatura scintillante la definirei! 😅

È una storia di tracollo e rinascita, dove una Fenice rinasce dalle sue ceneri ed un Drago si risveglia, insieme a combattere una guerra passata volta ad un futuro e destino ignoti dove il desiderio e come un sogno irrealizzabile, la luce calda e radiosa sempre più si spegne con l’intercedere del buio, con i demoni pronti a banchettare con la tua anima.
Un romanzo unico ed intenso non c’è che dire, un idealizzare reale delle persone che ci circondano che amaramente si scontra con la verità e realtà che mai si è pronti ad ascoltare, pagine sconvolgenti, intrise di una realtà dura, dove la sua risoluzione è come il pendere l’ago di una bilancia.

Saranno così, perché sto col piede in due scarpe.
Perché ho dei conti in sospeso e gente che non vede l’ora di farmi il culo, per quello che ero. Forse lo sono ancora, non ne sono poi così sicuro.

Non aspettatevi principi o principesse, non eroi o eroine, ciò che troverete è un amore avverso, il logorio dei ricordi, scelte ardue e l’introspettivo reale umano di chi non vede via di scampo e si sente soffocare. Voglio fare i mie complimenti di cuore a Chiara per avermi stupito, non mi aspettavo tutto ciò da questa storia, in cui tu mi hai posta a più riflessioni, dove non è di un bad boy che si parla ma di un semplice ragazzo “senza via di fuga”. Una bravura di penna nell’entrare nel suo animo tormentato eccelsa, però la scrittrice è stata pure la regina degli inganni, mi riferisco all’epilogo dove ho rianalizzato tutto, non me lo aspettavo anche se effettivamente dei segnali c’erano… subdola lo ametto! 😀 …. Ora mi chiedo se nel prossimo romanzo Chiara ponesse all’inverso il punto di vista, chissà cosa ne verrebbe fuori! :O

 «Voglio farti capire che quello che fai a te, lo fai a me.
Anche se sto zitta, anche se sorrido.
Soffri tu e soffro io.
Muori tu e muoio anch’io.»

Michy (Blogger Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...