RECENSIONE: The Only Man (From Connemara With Love, vol.4) di A. S. Kelly

Cari sognatori, eccoci giunti al capitolo finale di questa appassionante serie firmata A. S. Kelly!!!

41H+ohwmK3L

SERIE: From Connemara With Love, vol.4
GENERE: romance, new adult
DATA DI USCITA: 17 gennaio 2020

Ebook / Cartaceo

Sono stato un uomo diverso una volta.
Sono stato un uomo che aveva una sola donna negli occhi e che voleva quella sola donna tra le braccia.
Sono stato il suo uomo.
Ma le cose cambiano, la vita ti cambia. E le scelte, gli errori, i rancori.
E le promesse infrante.
Ci siamo fatti del male. Ci siamo amati e poi odiati e poi mancati e poi allontanati e poi…
E poi un giorno ci siamo ritrovati.
Nel momento sbagliato, nel posto sbagliato.
Nel nostro tempo sbagliato.
Perché siamo sbagliati noi due, siamo distanti e siamo incompatibili.
Siamo i protagonisti di una storia che non ci appartiene.
Eppure io continuo ad amarla, anche se lei mi odia.
E lei continua a odiarsi, perché non può fare a meno di amarmi.
E noi continuiamo a cercarci, anche se siamo destinati a perderci.

Voglio essere un uomo diverso, ancora una volta.
Voglio essere quel tipo d’uomo pronto a tutto per la donna che ama.
Anche pronto a dirle addio.
Perché io voglio solo che lei sia felice, più di quanto voglio che sia mia per sempre.

AUTOCONCLUSIVO

<<Baciare Brian è come morire dopo che sei già morto, e sperare di morire ancora, solo per morire all’infinito di lui…
…baciare Darcy è come essere riportato in vita contro il tuo volere, e continuare a vivere solo per sperare di morire di nuovo, per essere ancora riportato indietro da lei.>>

Inizio col dire che questa è una storia intensa… profonda… struggente… bellissima.
Ho dovuto respirare profondamente parecchie volte, soprattutto quando ho intuito una determinata cosa che in un certo qual modo è successa anche a me… ho ingoiato tanto perché non mi andava di leggere attraverso le lacrime, credetemi non è stato facile… ma non ci sono solo lacrime in questa storia, anzi c’è molto altro! Vi troverete travolti da un vortice di emozioni, sarete catapultati in un mondo colmo d’amore, di amicizia, di rapporti non sempre facili, di confronti delle volte piuttosto dolorosi, riderete e anche tanto, ma come ho già accennato vi commuoverete e anche parecchio.

Vi consiglio di leggere con calma, come consigliato dall’autrice, di fermarvi ogni tanto e di fare dei bei respiri profondi, magari servirà a poco, ma vi aiuterà in alcuni momenti, fidatevi.

<<“Non lasciare la mia vita di nuovo, ti prego. Resta. Non devi neanche parlarmi o guardarmi, puoi anche non mettere piede al locale, o se preferisci puoi continuare a insultarmi come hai fatto in tutti questi anni, ma non andare. Io non posso farcela.”>>

La storia di Brian e Darcy non è semplice.
Lui l’ha ferita nel peggiore dei modi in cui un uomo può ferire una donna innamorata e lei, pur essendo passati anni non è disposta a perdonarlo, i loro scontri sono veramente forti e veri che quasi sembra di sentire le loro parole più che leggerle, alcune volte forse vi ritroverete a dare ragione a lui ma la maggior parte delle volte la darete a lei. Nella vita bisogna avere il coraggio delle proprie azioni e Darcy ne ha da vendere, le sue non sono certamente scelte facili o indolori, ma sono scelte che la faranno crescere e maturare.

Ma non abbiamo solo la loro storia all’interno del libro, come ben sapete questa serie è popolata da tanti personaggi e dalle loro storie, abbiamo in sospeso parecchie cose che man mano andando avanti con la lettura scopriremo… ricordate che ancora non sappiamo di che sesso sarà il bambino di Alex e Ellie Siete curiosi? 😀
Ma vedremo anche come sta andando l’amore tra Andy e Shane e tra Reid e Sloan.

<<Per qualcuno le sorti di ribaltano, vedi Brennan ed Ellie o mio fratello e Shane, o ancora Reid e Sloan, ma loro sono persone che hanno creduto, che hanno sperato, che ci hanno provato. Io ho smesso di fare tutte queste cose nel momento in cui Darcy Kylemore mi ha guardato negli occhi per l’ultima volta per dirmi che le avevo tolto tutto ciò che amava. Sono passati dieci anni e nulla è cambiato. Io sono sempre il bastardo che le ha portato via tutto, mentre lei, lei è sempre la donna a cui avrei voluto dare tutto quello che avevo.>>

Ciò che capita tra Darcy e Brian e tutto ciò che ne consegue ci fa capire che delle volte bisogna avere coraggio e dire ciò che ci fa paura perché il non farlo può essere solo distruttivo, in questo caso fortunatamente abbiamo “la vecchia guardia”, chi ha letto i libri precedenti mi capirà, che pur agendo con discrezione… o quasi… metterà un po’ di sale in zucca a Brian… non sarà semplice però, dato il suo senso d’inadeguatezza nei confronti di Darcy e non solo nei suoi.

<<“Non dovresti farti vedere in giro con me.” “Non m’importa di quello che dice la gente” ho risposto orgogliosa.
“Un giorno ti importerà, Darcy Kylemore. Il cognome ha il suo valore e il suo peso, e ti resta addosso, come una macchia indelebile che non puoi lavare via.”>>

Ringrazio l’autrice per avermi fatto incontrare queste stupende persone (non storcete il naso, per me è come se fossero vere) e avermi fatto far parte delle loro vite.
Questa scrittrice con il suo stile narrativo riesce sempre ad essere totalmente coinvolgente, sia che si tratti di argomenti forti quali abbandono, morte, malattia e sia che parli d’amore, passione, amicizia, trova le parole giuste in ogni momento senza mai eccedere, essere volgare; adoro la sua ironia perché non la trovo mai fuori luogo o forzata ma sempre usata nei momenti in cui c’è bisogno, perché anche con l’ironia lei riesce sempre a farti cogliere il punto della situazione.

<<“Ce la facciamo sotto?” Reid compare alle mie spalle. “Non so di che parli.” “Mmm… Vediamo. O stai fissando la mia futura moglie e in questo caso, dovrei spezzarti entrambe le gambe…” Sbuffo. “O stai guardando chi non dovresti comunque guardare, perché a breve sarà mia cognata e per contratto mi toccherà spezzartele ugualmente le gambe.”
“Hai finito?”
“No. Tu?”
“Io non sto facendo niente.”
“Questo è vero.”
“Insomma, cosa vuoi da me?”
“Vuoi saperlo davvero?”
“No, ma credo che non faccia differenza perché me lo dirai comunque.”
“Esatto.”
“Parla e facciamola finita.”
“Vorrei che la smettessi.”
“,Ma se hai appena detto che non sto facendo nulla.”
“Appunto. Vorrei che la smettessi di non fare niente.”
“Mi sono perso.”
“Di già?”>>

Credo che A. S. Kelly con il suo “E poi…” abbia dato la perfetta conclusione a questa meravigliosa serie. Leggetela e sarete d’accordo con me! 😉

Siria (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...