SEGNALAZIONE: Cagliosa di Giuseppe Franza

GiuseppeFranza-cagliosa

Titolo: Cagliosa
Autore: Giuseppe Franza
Genere: narrativa contemporanea, sport, romanzo sociale
Pagine: 322
Data di uscita: 28 novembre 2019

Cartaceo

“Cagliosa” è un romanzo che parla di calcio giocato tra i dilettanti e di periferia disagiata. L’ambientazione è nel Sud del Paese, a Napoli. Giovanni Croce è un venticinquenne napoletano che ruba motorini per conto del carrozziere per il quale lavora. Abita in un piccolo appartamento di periferia col nonno esaurito e la mamma depressa, e nel tempo libero gioca a calcio nella squadra del suo quartiere: il Rione Incis Club, formazione di dilettanti iscritta al girone C della terza categoria.

Ventidue sono le partite del campionato, e ventidue sono i capitoli del libro, attraverso cui Giovanni si confronta con le proprie contraddizioni di giovane uomo orgoglioso e abbrutito, senza prospettive e senza entusiasmi, stanco del calcio, del lavoro, della famiglia con cui è costretto a convivere, del rione dove abita e della fidanzata a cui dice di volere bene. Da troppo tempo ormai, Giovanni, detto Vangò (come il pittore olandese, per via dei suoi capelli rossi e perché ha frequentato il liceo artistico), non sopporta più i suoi compagni di squadra, odia il suo allenatore e sente di essere un fallito, un condannato a un’esistenza da schiavo. Qualcosa cambia il giorno in cui incontra una bella giornalista sportiva, che diventa la sua ossessione. Stimolato da un sentimento inedito, che lo fa sentire del tutto inadeguato, il ragazzo comincia a rendersi conto di dover cambiare qualcosa della sua vita.

Sullo sfondo, prosegue il campionato del Rione Incis Club, ma senza epica e senza soddisfazioni, senza alcun elogio della sportività e del gioco: il torneo della Incis è caratterizzato da risse, scorrettezze, acide rivalità, figuracce e piccole rivincite. Non ci sono campioni, né sportivi; ogni personaggio rivela senza vergogna la propria deficienza morale. Ciononostante, i calciatori continuano a lottare, scoprendosi giornata dopo giornata sempre più complici. Lontani dai riflettori, su campi polverosi e invasi dall’erbaccia, Giovanni e compagni lottano per resistere alla forza centrifuga del non senso, per diventare uomini.

Il risultato rimase sul pareggio fino al fischio finale, e per come si era messa la partita si trattava di un punto d’oro. Bisognava accontentarsi. Così disse il coach e poi ribadirono quasi tutti i giocatori del Rione, e pure Croce capì che andava benissimo così. Quello era il segreto: contentarsi, pigliarsi quel poco di buono che uno era riuscito a meritarsi o a scippare nel contesto, senza mai farsi il sangue troppo amaro. La vita, tanto, di base era una chiavica, una filiera ottusa di casualità e infamità senza nemmanco mezzo accenno di giustizia.

Scopriamo l’autore…

Giuseppe Franza, nato nel 1981 a Napoli, è laureato in filosofia, ha lavorato come redattore ed editor per varie case editrici. Vive a Roma.


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...