REVIEW TOUR: Sweet Doris di Emma Mei

Cari sognatori, emozionatevi con il nuovo romanzo di Emma Mei!!!

image-22-08-20-09-51

Genere: contemporary romance
Data di uscita: 9 settembre 2020

Ebook

Dopo un doloroso passato, che le ha causato un serio crollo emotivo, Doris ha deciso di riprendere in mano le redini della sua vita, imparando ad amare se stessa e stringendo nuove amicizie. Prossima alla laurea, che la riporterà a lavorare alla Foster’s Industries, compila liste dei pro e dei contro sul ragazzo di cui è perdutamente innamorata: Mextli Foster, per il quale, quattro anni prima, ha lavorato come segretaria personale.
Mextli è il classico figlio di papà, bello, affascinante e con la sindrome di Peter Pan. Ha trentun anni, ma non ha ancora messo la testa a posto e, con la complicità dei suoi amici si diverte a prendersi gioco di Doris, persino durante il suo turno di lavoro come cameriera al 50’s.
Tutto cambia la sera dell’addio al celibato di un amico di Mextli, durante la quale il ragazzo viene coinvolto in una goliardica prova di coraggio.
La cantina del ristorante sarà testimone silenziosa del colpo di fulmine – seppur a scoppio ritardato – che Mextli proverà nei confronti di Doris.
L’ostacolo?
Convincere la ragazza dei suoi reali sentimenti.

Mexti Foster è l’erede della Foster’s Industries. Un trentunenne ancora con la testa immersa nelle feste, nelle uscite con gli amici e con una malsana abitudine di tormentare la sua ex dipendente, nonché ex segretaria personale, oggi cameriera al locale 50’s dove lui con i suoi amici si incontrano spesso.
Lei é Doris, che lui ha soprannominato bignè per la sua forma morbida ed un po’ pienotta.
Doris è una studentessa, ormai prossima alla laurea che è stata fin da bambina bullizzata, ma che ha trovato, dopo un brutto trauma di bullismo subito, nella cattiveria e nel disprezzo dei suoi coetanei, la forza di ribellarsi e di non farsi sottomettere.
Solo che spesso il rispetto della gerarchia, come nei confronti di Mexti Foster, il suo diretto superiore, la fa trattenere dal commentare le sue brutte battute, dette principalmente per denigrarla fisicamente.

“Mi libero dalle sue braccia ed esco dall’ufficio. Il tempo di chiudere la porta e sbatto contro qualcuno. Lui. «Ehi! Per una buona volta puoi stare attenta a dove vai, Bignè?» «Signor Mextli…» farfuglio per poi decidere che deve smetterla di trattarmi sgarbatamente. Cambio tono di voce, mi carico della sicurezza necessaria per rispondergli e alzo il mento. «Se lei, invece di tenere gli occhi fissi sul cellulare, li avesse tenuti dritti davanti a sé, tutto questo non sarebbe successo.» Cazzo! Cos’ho appena detto? Mi porto una mano alla bocca, sorpresa della mia stessa reazione. La sua espressione deve essere simile alla mia, ma dura meno di un secondo, il tempo di assottigliare gli occhi per pronunciare la cattiveria del giorno. «Senti, Doris-bignè, non me ne frega nulla se hai appena dato le dimissioni dalla nostra compagnia. Non ti dimenticare che, nonostante tutto, il tuo superiore resto io e mi devi rispetto. Sempre.» E per marcare il concetto, posiziona le mani a due altezze differenti. «Io sono in alto e tu in basso. Chiaro, no?» Ecco che il momento di pronunciare ad alta voce la frase che il signor Foster mi aveva scritto sul bigliettino, arriva. «Signor Mextli… delle sue idee sulle scale gerarchiche e livelli di potere…me ne infischio!»”

Ed è proprio questa sua ultima frase che fa scattare in Mexti uno strano interesse, forse anche curiosità, nei confronti di Doris.
Ora inizia a notare anche il suo viso angelico ed il suo seno, così degno di nota e di interesse.
Ed è proprio la sera dell’addio al celibato del suo amico Paul che si ritrovano al locale dove lavora Doris che a Mexti, per ravvivare la serata, viene dato un pegno da pagare…

“Sorrido delle esternazioni e mi unisco ai loro sberleffi, ma c’è qualcosa che ancora non mi lascia godere appieno della stronzata appena compiuta in cantina. Quello che è successo mi ha colto impreparato.
Prendo il boccale di birra e, mentre lo porto alle labbra, percepisco l’odore di sesso rimasto sulle mie dita. È inebriante ed eccitante, tanto che devo mascherare l’erezione ancora presente nei pantaloni.”

E quello che sembra essere stato solo un gioco, diventa per Mexti una fissazione.
Doris diventa la sua fissazione.
La vuole nuovamente tra le sue braccia e nella sua vita.
Ma cosa può inventarsi di nuovo per ribaciarla?
Mandarle semplici fiori o cioccolatini possono bastare?

“Se l’altra sera la percezione di Doris si è trasformata in attrazione, dopo questa rivelazione, comprendo che devo riscattarmi, mostrandomi diversamente e iniziando a metterla a suo agio in ogni situazione.
Mi vergogno, la verità è che quando inizia a piacermi qualcuno, percepisco tutto in maniera differente e solo adesso capisco quanto sia stato vile, e sì anche bullo, con lei. La dovrò corteggiare usando molta premura e tatto.”

E alla fine la risolutezza di Mexti e la passione amorosa di Doris collimano in un’accoppiata amorosa felice… fin quando durante una festa degli amici di Mexti, lui non rovina tutto!
Doris nuovamente ferita, parte per una località montana dove riuscirà a ritrovare un nuovo equilibrio ed una nuova prospettiva di vita, senza il suo amato quanto dannato Mexti.

Riuscirà Mexti a riconquistare la sua amata?
Riuscirà a convincere Doris delle sue reali intenzioni e non fare un nuovo errore?

Una bellissima storia che ci racconta di un amore nato sulla cenere della sofferenza e dell’insicurezza, ma che la determinazione di Doris di essere apprezzata veramente, spazza via con una soffiata.
Una storia che ci parla anche di un argomento purtroppo molto presente nel mondo giovanile, e spesso anche dopo, il bullismo.
Una storia che ci racconta anche dei traumi che subiscono tutti coloro che vivono questi momenti così dolorosi, che spesso devono essere curati ed aiutati da persone qualificate.
Una storia che mi ha spesso emozionato per l’energia di rivincita di Doris che traspare dalla prima all’ultima pagina e della tenacia di Mexti di voler a tutti i costi conquistare la sua amata, e che mi ha convinta sempre più che l’amore vero… esiste!

Una storia che consiglio a tutti… ❤

Maria (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

2 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...