REVIEW TOUR: L’ottavo cerchio (Peccato Originale, vol.6) di Tiffany Reisz

Cari sognatori, ritorna prepotentemente Tiffany Reisz con il suo nuovo romanzo, edito Hope Edizioni!!!

417iErgaTxL

SERIE: Peccato Originale, vol.6;
vol.2 anni bianchi

GENERE: erotic romance, BDSM
DATA DI USCITA: 25 settembre 2020

Ebook

Bellissimo, brillante e dissoluto. Questo è Kingsley Edge.
Pagato profumatamente sia in denaro sia in altro tipo di benefici, passa di letto in letto, ma nulla riesce a contrastare la sua apatia autodistruttiva.
L’unico che potrebbe farlo, l’uomo che King ama senza limiti o rimpianti, l’uomo grazie al quale è rinato, è anche la sola persona che King non potrà mai avere: Søren.
Quando Kingsley progetta di aprire il più grande club BDSM del mondo – un parco giochi segreto per l’élite di New York – affiancato da Sam, la sua nuova assistente, giovane e determinata, dovrà vedersela con l’enigmatico reverendo Fuller, un nemico che potrebbe rovinare il suo sogno, e non solo.
Due missioni sacre, due uomini in lotta tra di loro, un solo vincitore.

Sono anni che attendo impaziente l’uscita di questo romanzo e averlo tra le mani è un’emozione talmente indescrivibile che mai e dico mai mi sarei aspettata di avere l’onore di poterlo recensire!

“Le porte sono dei simboli, lo sai. Soglie da attraversare, scelte da fare. Non capita spesso che una porta vera si frapponga tra te e una vita diversa. Non sprecare questa occasione. Torna indietro in quella direzione, e resterai nel tuo vecchio mondo. Apri questa porta, ed entrerai in uno nuovo.”

Entrare nel mondo di un’autrice come questa ti cambia la prospettiva di lettura perché è oltretutto quello che fino a quel momento pensavi di aver letto o anche solo immaginato. Vi devo confessare che quando ho conosciuto questa penna nella serie precedente a metà del secondo mi sono dovuta fermare perché era oltre ogni mio tabù personale. Provavo a leggere altro ma la mente ritornava sempre lì fin quando ho fatto il salto nel buio e mi sono perdutamente innamorata dell’ironia beffarda, dell’eros più accattivante, del BDSM raccontato senza limiti, del suo giocare con la mia mente, con i miei pregiudizi, con il suo sedurre le fantasie più inconfessabili rendendole vere.

Nella prima serie degli anni rossi abbiamo conosciuto l’evoluzione di questi personaggi così intrecciati e dissoluti il cui cardine è l’amore tra Soren, Nora e Kingsley, amore talmente sfaccettato da assumere le forme più impensate ma che è il motore di ogni loro scelta seppur discutibile.
Nella serie degli anni bianchi, di cui questo libro fa parte, ripercorriamo il passato dei personaggi cardine seppur intrecciato con il presente. Nel precedente volume di questa serie “Guardami, toccami, stringimi” abbiamo scoperto com’è iniziato l’incontro tra Nora e Soren; in questo secondo romanzo di cui vi parlo oggi la storia è incentrata su Kingsley e la nascita del suo regno “l’ottavo cerchio”.

«Perché sei qui?» Kingsley pose la domanda principale. «Potresti pentirti di averlo chiesto.» «Già fatto. Immagino che sia più di un amichevole ricongiungimento. E non credo che tu voglia riprendere dal punto in cui abbiamo lasciato.» «Lo vorresti davvero?» «Sì.» Rispose senza esitare. Non sembrò essere la risposta che Søren si aspettava. «Kingsley…» … «Non pronunciare il mio nome in quel modo, come se fossi un bambino che dice qualcosa di folle. Mi è permesso volerti. Ancora. Sempre.» «Pensavo mi avresti odiato.» «Ti ho odiato. Ti odio. Ma non è così… Come posso odiare davvero una persona che mi conosce?»

Kingsley per tutta la serie precedente mi ha affascinata ma l’ho sempre visto inconsciamente come l’intruso della coppia Soren e Nora in un certo senso… sì perché anch’io volevo rendere il tutto più schematico secondo la mia misura. Ma proprio l’autrice in un passaggio spettacolare mi ha aperto gli occhi ricordandomi che “l’amore è amore ed è infinito”. Con questo spirito mi sono buttata a capofitto nel leggere questo romanzo con la voglia di innamorarmi perdutamente di Kingsley e così è stato.
Quest’uomo folle, ironico, irriverente, matto ha un cuore immenso, generoso, che non può non trascinarvi nella sua pazzia, nel suo amare senza schemi. Lui vive tutto intensamente bene, male, sesso, amicizia.

«Si veste come un mendicante gay» replicò il signor Vitale. «Non è vero» intervenne Sam in difesa di Kingsley. «Merci» la ringraziò lui. «Si veste come un mendicante bisessuale.» Kingsley la fulminò con lo sguardo. «Per la cronaca, mi considero pansessuale.» «Vuol dire che le piace farsi i panettieri?» «Vuol dire che mi piace scoparmi qualsiasi cosa.» «Classico francese»

Crede di aver perso per sempre il suo folle amore proprio ora che l’ha rivisto, proprio ora che la sua vita senza stimoli crolla a pezzi, proprio ora che non ha nessuno scopo per alzarsi al mattino se non voler dimenticare tutto, soprattutto lui. Ha scoperto tra le sue braccia quanto il dolore lo faccia rinascere, quanto per lui si sarebbe fatto uccidere solo e soltanto per poter essere definitivamente suo. Con lui può concedersi la sua vulnerabilità certo che nelle sue mani diventa la sua forza.

«Se quel bellissimo, orgoglioso Kingsley Boissonneault che mi ha inseguito in fondo al corridoio e mi ha guardato dormire, e mi ha confessato di pensare sempre a me, e che mi ha sgridato per aver infranto le regole di un gioco senza regole… se lui entrasse in questa stanza in questo momento, allora sarei tentato di infrangere i miei voti. Quel ragazzo era un re, ecco perché traevo piacere nel metterlo in ginocchio. Ma questo Kingsley Edge di fronte a me che si autocommisera, disprezza se stesso e si autodistrugge? Non c’è nessun onore nel distruggere qualcuno che è già distrutto. Non c’è neanche nessun divertimento.»

Ma questa volta lui gli chiede di più, gli chiede tutto e per quel tutto è in grado di lottare…

«Cosa c’è di speciale in questa ragazza dal momento che sei disposto a commettere crimini per lei?» «La verità?» «La verità.» «Mi ricorda te.» «È per questo che la ami?» chiese Kingsley nella speranza che la risposta fosse “sì”, ma sapendo che non lo sarebbe stata. «Per questo sto cercando di aiutarla.»

Soren è il personaggio più straordinario e complesso mai scritto e dopo tanti libri su di lui continua a sfuggire ad ogni tipo di classificazione umanamente possibile. Sconvolge per i suoi lati oscuri, affascina per la sua intelligenza, sa scandagliare l’anima di chi incontra facendo emergere bisogni sconosciuti. Ama di un amore tutto suo chi gli sta di fronte con metodi a dir poco discutibili e in queste pagine verrà fuori il suo punto debole verso colei che ha il potere di chiedergli qualunque cosa.

Qui scoprirete come certe persone sono fatte in un certo modo, hanno bisogno di altro per poter vivere, hanno bisogno di mescolare piacere e dolore per sconfinare in luoghi della mente altrimenti inaccessibili dove trovare pace. Il bisogno di appartenere a chi sa di cosa hai bisogno e sa dartelo conoscendo quei limiti che ai più son negati.

Leggendo questo romanzo a dir poco esaltante mi sono ritrovata infinite volte a ridere fino alle lacrime, a sentire ogni tormento sulla mia pelle, a voler dare una mano per aiutare, a vibrare di un piacere bruciante, a desiderare di poter rinascere libera dalle catene cha imbrigliano la mia anima.
Questa penna ed i suoi personaggi sono la mia ossessione di cui non credo che ne avrò mai abbastanza perché guardare gli abissi sconfinati della propria anima nera è un viaggio esaltante.

Leggere romanzi come questi ti spalanca la mente all’infinito, oltre ogni fantasia possibile, oltre ogni altra morale fino ad allora conosciuta oltre tutto quello che credi e in cui ti riconosci. Ci sono libri che educano ad una morale e altri come questi che la riscrivono con parole tutte nuove. Non ci sono personaggi da emulare, ideali a cui aspirare o gente da assolvere. C’è solo da leggere per quel che è lasciando ogni speranza di redenzione fuori dalla porta dei pregiudizi.

Se non siete pronti per davvero per questo oltre non è una lettura che fa per voi ma per scoprirlo dovete solo buttarvi in un salto nel buio.

Alla prossima lettura! ❤

Rosanna S. (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...