RECENSIONE: Le ragazze sopravvissute (Hidden Sins Serie, vol.3) di Katee Robert

Cari sognatori, eccovi il nuovo thriller psicologico di Katee Robert, edito Hope Edizioni!!!

cover robert

Serie: Hidden Sins Serie, vol.3
Genere: thriller
Data di uscita: 23 ottobre 2020

AUTOCONCLUSIVO 

Ebook / Cartaceo

Dodici anni fa, Lian Zhang e la sua amica Emma Nilsson sono scampate alla morte, uniche sopravvissute al famoso massacro di Sorority Row, in cui hanno perso la vita ventuno delle loro compagne di confraternita. Ancora alle prese con il trauma, Lian ed Emma cercano ora di condurre una vita normale. Lian sta però ancora facendo i conti con il senso di colpa per essere sopravvissuta e con il fatto che l’assassino era il suo ragazzo. Ora lui è dietro le sbarre, ma lei non abbasserà mai più la guardia.
Quando un assassino imitatore prende di mira Lian ed Emma, all’agente dell’FBI Dante Young viene dato il compito di anticipare ogni mossa del sociopatico. Quello che l’uomo non si aspetta è di provare un’attrazione immediata e passionale per Lian.
Più Dante e Lian si avvicinano, più un terrificante mistero incombe su di loro: chi vuole finire ciò che l’assassino ha iniziato e perché?
L’agente Young giura di proteggere Lian a tutti i costi: se vogliono avere qualche possibilità di un futuro insieme, devono prima restare vivi.

Due ragazze…
Due semplici ragazze che dodici anni fa hanno vissuto l’incubo peggiore della loro vita…
Sono sopravvissute e da quel momento vivono la loro vita guardandosi le spalle…
Lian ed Emma avevano tutto… erano felici, spensierate, ma una notte la loro vita è cambiata per sempre…

Sono passati dodici anni da quella maledetta notte…
Lian ed Emma sono andate a vivere a Stillwater, una piccola cittadina dove hanno messo su una piccola agenzia.
Lian lavora nella ricerca delle persone scomparse e decedute insieme al suo fidato cane Saul, addestrato da quest’ultima. Emma è diventata un hacker professionista e non esce mai da casa.
Le due pensano di essere al sicuro…
E se il passato tornasse a bussare alla loro porta?
Riusciranno a fuggire di nuovo o il loro destino si compirà definitivamente?

Ogni volta che leggo un thriller ne rimango affascinata, non solo per il modo in cui in questo caso la scrittrice descrive la storia, lasciandoti con il fiato sospeso fino alla fine ma anche il fatto di come quest’ultima riesce a descrivere talmente bene l’aspetto psicologico di ogni singolo personaggio portandolo al ragionamento finale.

Quando si scrive un genere come quello del thriller, bisogna fare uno studio accurato della mente umana, soprattutto quella del killer che può risultare più contorta.
Non solo…
Anche il profilo psicologico delle vittime va studiato dall’inizio alla fine, nei minimi dettagli perché tutto questo comporta lo svolgimento della storia e dei fatti.

Le due protagoniste vengono descritte in maniera completamente diversa…
Lian, all’apparenza sembra forte, determinata ma nel profondo è fragile e insicura.
Emma viene descritta in modo completamente diverso, la conosciamo come la ragazza che non esce mai di casa, taciturna e spaventata dal suo passato, ma se la vediamo bene capiremo che è una donna forte, determinata e che farebbe di tutto per proteggere la sua migliore amica.
La nostra Katee Roberts ha uno stile di scrittura unico, profondo, ma anche molto lineare ed omogeneo.

Questa storia mi ha coinvolto sin dall’inizio e devo dire che è stato un piacere leggerla. ❤

La vostra…

Arianna (Recensionista Sognare).


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...