RECENSIONE: Quattordici spine. La prima indagine dell’ispettore Traversa in Sicilia di Rosario Russo

Cari sognatori, eccovi l’avvincente noir di Rosario Russo, edito Algra Editore!

61Zif55QSmL

GENERE: giallo, noir
DATA DI USCITA: 10 maggio 2019

Cartaceo

Acireale, Sicilia.

Un efferato delitto sconvolge l’abulica routine quotidiana: Don Mario Spina, canonico della basilica di San Pietro, viene ritrovato senza vita all’interno della sacrestia, ucciso con decine di colpi d’arma da taglio. Inoltre, da un’antica credenza sono state trafugate le spoglie del maggiore artista locale, Paolo Vasta. L’ispettore di polizia Luigi Traversa, da poco arrivato dal Veneto, si ritrova a indagare su un delitto a tratti inspiegabile. Chi è stato a compiere quell’orrendo crimine? E quale misterioso passato nasconde il poliziotto, giunto all’improvviso in città? Quattordici giorni serviranno a Traversa per risolvere il caso, togliendo una spina alla volta da quel pericoloso fico d’India tutto siciliano che, una volta ripulito, mostrerà all’ispettore la terrificante verità. 

Questo è il primo episodio dei gialli a cui prende parte l’ispettore Traversa.
L’ispettore è da poco arrivato in Sicilia per prendere servizio ad Acireale, posto che gli era stato descritto come tranquillo.

Il luogo adatto in cui dimenticare e ripartire ˮ.

Quale luogo migliore possa essere più adatto per lui che sembra che debba dimenticare molte cose…
Davanti alla sua abitazione si trova la basilica di San Pietro, e ce ne viene fatta una descrizione che sembra quasi di poterla vedere ed immaginare…

‟La Basilica di San Pietro era bella, anzi bellissima; con le sue statue e le colonne barocche, si stagliava sull’immensa piazza del Duomo dove, insieme alla cattedrale attigua, formava un impianto architettonico più unico che raro…
L’interno della basilica, a navata unica, era davvero sfarzoso, ricco di colonnati, cornici e ornamenti in stile neoclassico”.

Ed è proprio qui, all’interno della sacrestia del Duomo, che viene rinvenuto il corpo senza vita di Don Mario Spina.
Il modo in cui tutto è avvenuto fa pensare che sia una rapina con l’intento di sottrarre il cofanetto contenente le spoglie di Paolo Vasta.
Ma qualcosa nell’intuito di Traversa non torna, sembra tutto molto semplice e di facile soluzione. Infatti, trascorreranno quattordici giorni per arrivare a far chiarezza e mettere luce su una realtà ben diversa…

‟Quattordici spineˮ è un noir immerso nella Sicilia che indirettamente, attraverso la narrazione, ci parla delle sue bellezze, della sua storia e di tutta la cultura di questa città.

‟…Camminando, entrò inconsapevolmente all’interno dei giardini comunali, dove si soffermò a osservare una fontana, che un tempo doveva essere magnifica. Al centro trionfava un superbo gruppo scultoreo, rappresentante una dea, che piangeva accanto al corpo di un pastorello. Quella statua rappresentava il mito di Aci e Galatea, dal quale la città aveva preso il nome; peccato che in quel momento fosse in totale stato di abbandono, così come l’enorme complesso del parco. A traversa sembrava che la dea urlasse, non per la perdita del suo amato, piuttosto per il disfacimento in cui versavaˮ.

Tutta questa bellezza sembra essere messa ancora più in risalto grazie alla contrapposizione con la figura di Traversa. Quello che sappiamo di lui è che si chiama Luigi, ha 37 anni ed è originario di Feltre. Per questo motivo è abituato più alle zone di montagna e odia il pesce; è un uomo freddo e con una grande capacità intuitiva che fa di lui un ottimo elemento sul lavoro, ma allo stesso tempo presenta forti tormenti interiori.

Infatti, quello che noi verremo a conoscenza, oltre al fatto di scoprire chi ha commesso il terribile delitto, sarà anche quello di capire per quale oscuro motivo l’ispettore Traversa dal Veneto, sia  stato mandato ad Acireale.

È avvincente, affascina nella trama e coinvolge per intero. È un libro che oltre a raccontare di un delitto racconta anche la la personalità di un uomo che potrebbe essere comune a molti e ci trascina in un paese pieno di storia e di tradizioni a tal punto da arrivare a sentire l’odore del mare.

Molto consigliato nell’attesa di seguire un suo seguito! 🙂

Nancy 
(Recensionista Sognare)


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?! Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare! Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...