REVIEW PARTY: La bellezza del male (Swiss Legends, vol.2) di Carmen Weiz

Cari sognatori, eccovi l’inquietante ed intenso romanzo di Carmen Weiz!!!

41dlPuheY-L

GENERE: suspense romance, thriller
DATA DI USCITA: 7 giugno 2020

Ebook / Cartaceo

“Ti prometto la vita se mi prometterai la morte.”
Direttamente dalle foreste di pini in Svizzera arriva…
Si dice che il tempo guarisca ogni ferita, e forse queste parole portano con sé una certa verità.
Cosa succede, però, se le ferite non guariscono correttamente? Quando i tagli lasciano delle orrende cicatrici e le ossa rotte si rinsaldano ma non tornano più come prima?
E quando si tratta dell’anima? Se è rimasta coinvolta nella rottura, ritrovandosi lacerata e sofferente…
L’agente Sophie Nowack, delle forze speciali svizzere Enzian, lo sa bene. Reduce da un terribile avvenimento, che le ha cambiato per sempre la vita, giorno dopo giorno si strugge per portarla avanti.
Un’esistenza fatta di segreti inconfessabili, celati dietro a un lavoro nel quale eccelle: infiltrarsi nei peggiori ambienti, attraverso volti che non sono mai il suo, alias che nascondono la sua vera personalità.
“Cosa puoi scegliere, quando non ti è rimasto niente?”
Le lancette del destino li ha allineati. Lei ha commesso un semplice errore e a quel punto il suo destino è passato nelle sue mani.
Per lei, il male non è mai stato così affascinante come nel momento della resa dei conti. Aveva le sembianze della persona che aveva sempre desiderato, colui che aveva posseduto i suoi sogni.

Carmen Weiz ritorna con una storia straziante, trattando uno degli abbandoni più dolorosi… quello della propria anima, e per farlo crea un antagonista di una crudeltà indimenticabile, e l’unica donna che possa fermarlo prima che nuoccia di nuovo.

“Correresti questo rischio? Metteresti in pericolo la tua incolumità, la tua anima, la tua vita…
Tutto per conoscere… la bellezza del male?”
Secondo volume autoconclusivo della serie Swiss Legends.
Contiene alcune descrizioni intense, consigliato ad un pubblico adulto.
«Lo sappiamo, non è vero, Sophie, che indossi le tue menzogne come una seconda pelle.
Troppo opportuna per rimuoverla, troppo suadente per resisterle, troppo stretta per respirare.»

Con questo libro Carmen aggiunge ed asporta un altro tassello dell’animo umano, attraverso un percorso impervio interiore che ci trasporta nel nero della psiche, dove è labile il confine tra pazzia e coerenza.

Ciò che ci si presenta fin dal principio è la normalità di una serata giovanile, una festa dove l’alcol scorre a fiumi, ma più di tutto la voglia di divertirsi di due amiche… eppure in un battere di ciglia ecco che l’inevitabilità degli eventi, ma soprattutto una scelta dettata dal dolore lacerante e profondo, segneranno per sempre la vita di Sophie irrimediabilmente. Da quella sera in cui muore la sua amica, ecco che entra in un loop autodistruttivo, dove il senso di colpa la spinge non solo a dissociarsi, ma pure a vivere perennemente sul filo del rasoio, tra vita e morte.

Devo dire che la scrittrice è riuscita a descrivere in maniera ampia e profonda i disturbi che nascono dalla perdita di una persona cara, ma più di tutto di come il senso di colpa e l’incapacità o la negazione di continuare a vivere, portano la psiche umana a creare forti problematiche mentali; queste persone se da un lato le si possono etichettare pazze, in verità celano in sé una coerenza mentale sconcertante, con una evoluzione di vita difficilmente stabile. Sophie come si leggerà attraverso queste pagine attraverserà varie fasi di ribellione, mettendo spesso la sua sopravvivenza in pericolo, poiché ciò che più agogna è proprio morire, eppure al tempo stesso non è in grado di compiere quel passo. All’interno di se stessa si creerà una mente bipolare a tratti, ma pure camaleontica e sarà proprio per questa “facoltà” che la porterà a lavorare come agente freelance speciale per le varie agenzie governative, infatti la sua missione personale è stanare i mostri per portarli alla giustizia, al contempo la seconda voce della sua testa chiede sangue e morte. Più ci si inoltra nella sua persona, più il nero oscuro ti avvolge ed appesantisce l’animo, portandoti a dubitare di come riesca anche solo a gestire se stessa, poiché quando lavora ad un caso riesce ad entrare nella mente del mostro, essere come lui, ragionare allo stesso modo, ma in parallelo i metodi usati sono estremi, perdendo di vista la sua posizione professionale. Da calcolare che una persona con le patologie che si rispecchiano lungo le pagine manterrà sempre un distaccamento da chi la circonda, spingendo ad aberrare qualsiasi forma di supporto, aiuto, amicizia, persone così non amano se stesse, al contempo non sono in grado di amare gli altri, ecco che qualsiasi forma di relazione vera diventa un’utopia, autoimposta.

La scrittrice poi ci fa vedere anche il lato del mostro vero, colui che a differenza di Sophie ha abbracciato completamente il lato oscuro di se stesso spingendolo ad efferate azioni e scelte, un giochetto mentale arguto volto a destabilizzare sempre più la mente della protagonista. I pov a lui dedicati, seppur pochi, sono agghiaccianti per la freddezza calcolatrice, ma anche il ragionamento lucido e cinico, argomentando a tu per tu con il lettore di teorie come Darwin, prospettando quesiti che scombussolano non poco la tua mente. Diciamo che come un abile oratore sa attratti come una falena alla luce, ma se ti avvicini troppo non solo ti bruci, ma sarai schiacciato e distrutto, fino alla tua prematura dipartita. Un personaggio senza coscienza, morale e limiti.

Affronta in oltre un altro tema molto attuale, quello dei social network e le app di incontri, ciò scoperchia un vaso di Pandora ben dibattuto negli ultimi anni, dove l’uso smodato di scrivere cosa si fa in ogni momento, dire ad uno sconosciuto particolari intimi nostri o informazioni personali, gli dà le chiavi per poterci colpire quando più vuole. Uno stupido esempio pubblicizzare a più mandate che vai in vacanza, quando parti, il volo, foto e post del viaggio e nel frattempo un ladro sa che casa tua è vuota e indisturbato può andare a svaligiartela. Ma anche il mondo degli adescatori seriali, proprio ciò trattato qui, persone che creano un profilo falso, sanno utilizzare le parole giuste spingendoti a fidarti, ad incontrarli e poi la loro anima nera esplode e tutto è perduto o troppo tardi per tornare indietro. Inoltre essendo abili manovratori della psiche, molto spesso fanno sentire la vittima responsabile di ciò che è accaduto non portando ad una denuncia, lasciando liberi di agire ancora, portando le forze dell’ordine ad avere solo intuizioni ma le mani legate.

Con queste pagine la scrittrice si discosta sempre più dai precedenti scritti e cambia completamente, anzi stravolge il suo modo di creare storie prospettando una storia che mai ti aspetteresti, al contempo si vede quanto lo studio dei testi di psicologia mentale utilizzati per scrivere questo romanzo siamo stati utili e cardini. Vi consiglio di leggerlo, ma soprattutto di comprenderlo, carpendo ciò che si cela oltre le parole e i gesti, di inoltravi con consapevolezza in un’anima spezzata e dei suoi stessi mostri che sempre più cercheranno di farla cadere nel baratro nero dell’infinità del gelo assoluto.

Ma la morte, per me, significava salvezza.
La morte era una cara amica che mi stava aspettando.
Michy
(Blogger Sognare)

Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?!
Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare!
Grazie! 😉

2 pensieri su “REVIEW PARTY: La bellezza del male (Swiss Legends, vol.2) di Carmen Weiz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...