RECENSIONE: L’odiosa infatuazione di A. Zavarelli

Cari sognatori, eccovi il travolgente romanzo di A. Zavarelli, edito Grey Eagle Publications!!!

514ziIE4upL

GENERE: dark romance
DATA DI USCITA: 30 marzo 2021

Ebook / Cartaceo

Lo chiamano il diavolo.
Quando mi sono imbattuta in lui il mio primo giorno alla Loyola Academy, ero sicura che non potesse essere vero.
Era l’uomo più bello che avessi mai visto nella vita reale.
Non sapevo che fosse anche il più crudele.
Sono passata dall’essere stordita a sbalordita nel momento in cui i suoi occhi cinici si sono posati su di me.
Non so dire che cosa gli abbia fatto desiderare di punirmi. Ma da quel giorno in poi, il meditabondo uomo solitario non ha desiderato altro che tormentarmi.
Vorrei odiarlo, e qualche volta, lo faccio.
Ma buona o cattiva che sia, l’attenzione di qualcuno non era mai stata così dolce.
Che cosa fai, se hai una fastidiosa cotta per il tuo bullo?
Peggio ancora, che cosa fai se è anche il tuo insegnante? 

L’autrice di cui vi parlo oggi ha il potere di scrivere storie sempre più intriganti, che ad ogni pagina sanno farti vibrare di emozioni molto intense, che esplorano il mondo delle storie d’amore con dei taboo dove il sesso si fa spinto, dove ogni regola viene ribaltata.

Chi di noi da ragazzina non ha avuto una cotta per il professore particolarmente avvenente facendo sogni proibiti di una storia impossibile, ma tanto stuzzicante da diventare un chiodo fisso? Qui siamo ad un livello successivo perché abbiamo due anime sole, tormentate, che dal primo sguardo si riconoscono come pezzi di un incastro indecente, impossibile, impensabile. Una boccata d’ossigeno per evitare di annaspare nel vuoto che inghiotte ogni possibilità.

Stella è la figlia di una modella sul viale del tramonto che ama mantenere l’apparenza sociale al punto da imporre le scelte di vita e di studio di Stella. Per restare nell’Élite della società la iscrive per l’ultimo anno delle superiori in una scuola privata prestigiosa per accedere all’università con il corso di laurea che le garantirebbe un futuro agiato. Stella invece non ama quello status quo… ama come suo padre la fotografa, ma da sempre ha questa ossessione di voler accontentare tutti sopprimendo le sue aspettative o i suoi sogni come è giusto che accada nei suoi diciassette anni. In quel luogo nuovo tutto scorre piatto fino a quando in quell’aula non incontra quegli occhi che la infiammano pur avendo un atteggiamento spietato.

Sebastian per tutta la vita è stato schiavo di pressioni famigliari a cui, quando ha provato a ribellarsi, il mondo gli è imploso tra le mani ed oggi ha scelto di chiudere il mondo attorno a sé, di lasciare il suo io da parte in una maschera di crudele senso di colpa che lo spinge in un progetto di vita che lo spegne dal di dentro sempre di più. Insegnare non è la sua passione soprattutto in quel luogo che pullula di sogni ed aspettative che lui odia nel profondo, un coacervo di pressioni ed apparenza in cui lui non si riconosce. Ma un giorno nella sua aula arriva lei tutta trafelata per il ritardo, lui la guarda e sceglie di iniziare a tormentarla, sceglie di spezzarla fino a farla fuggire da lì.

Sebastian è un personaggio crudele, estremo, brutalmente severo, dominante, che usa ogni mezzo per umiliare la sua preda, ma che al tempo stesso diventa un’ossessione torbida, un desiderio proibito, un’eccitazione rovente pensarla inginocchiata implorare l’obbedienza estrema verso di lui.
Stella ha una personalità molto spiccata, una lingua biforcuta che sa tener testa, un modo di pensare molto intelligente ed acuto per la sua età che trova inaspettatamente nella ricerca dell’approvazione del suo insegnante un’eccitazione, una bramosia che fino ad allora non avevo mai provato per nessuno.

In questi rapporti dominatore/sottomessa molto spesso capita che vivano delle attrazioni verso altre persone flebili perché non hanno quella predisposizione verso la loro inclinazione. E quando incontri chi ti corrisponde spesso si saltano molti passaggi temporali perché ci si riconosce a pelle d’istinto fin da subito.
Questo amore contrastato, impossibile, ai limiti del proibito li spingerà a guardarsi dentro ed a trovare nuove consapevolezze.

Ma fino a che punto ci si può spingere in amore e negli abissi della depravazione, fino a quanto si è disposti a scendere nell’inferno del diavolo crudele e seducente senza esserne annientati?

Questa storia mette in luce anche la difficoltà del rapporto genitori/figli e di quanto i primi hanno il compito di dare le radici ai propri figli per aggrapparsi quando la vita ti mette alla prova ed ali per poter scegliere la strada che più li rende felici senza vederli come le proiezioni dei nostri sogni o peggio ancora delle nostre frustrazioni.

Alla prossima lettura! ❤ 

Rosanna S. 
(Recensionista Sognare) 

Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?!
Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare!
Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...