RECENSIONE: Quando parlerò di te di Nicola Accordino

Cari sognatori, eccovi il profondo e formativo romanzo di Nicola Accordino!!!

41Jqgr-gaBS

GENERE: narrativa, formazione 
DATA DI USCITA: 5 giugno 2018

Ebook / Cartaceo

Cerchi il solito male to male con scene piccanti e bellocci in prima di copertina? Questo non è il libro per te.
Qui troverai l’Amore raccontato, vissuto, sentito. Un Amore che graffia, che lascia i segni, che perdona ma non dimentica. Troverai un uomo, un padre, un figlio che soffre, che cade e si rialza. Troverai tanto su cui piangere, ridere e riflettere. Questo non è un libro per cuori pavidi o stomaci deboli. Questo è un libro per chi sa essere empatico e sopportarne il peso.
Segui Matteo in questo viaggio attraverso sé stesso e le sue debolezze, per giungere alla sua stessa conclusione: l’Amore è l’unica cosa per la quale valga la pena vivere e lottare.
Con il tuo acquisto sostieni “Stella & Aratro” nelle sue attività di promozione culturale, sociale ed umana.
Maggiori info su www.stellaaratro.it e www.nicolaaccordino.it 

Fino a qualche anno fa mi ero fatta una mia idea sulla vita, sulle cose, sul concetto di amore, di famiglia, di genitorialità ed era un qualcosa che mi premeva capire fino in fondo. Erano pensieri giusti i miei dal mio punto di vista perché assecondano un certo ordine delle cose che se vogliamo mi era stato tradizionalmente imposto. Avevo ed ho amici che fanno parte della comunità LGBT che guardavo con una certa curiosità distaccata, come a dire va bene l’amore, il sesso, i sentimenti ma la famiglia è un’altra cosa, i figli sono un’altra cosa.

Il motivo per cui vi parlo di me come inizio di questa recensione è per dirvi una conquista importantissima a cui sono giunta proprio grazie alla lettura di romanzi M/M come questo è che quei giudizi che davo erano fatti senza cuore, senza mettere il mio cuore al posto di chi viveva quella situazione per comprendere empaticamente il suo desiderio dal di dentro e non dal di fuori di un giudizio preconfezionato.

Il potere della lettura come valore culturale è immenso perché permette l’immedesimazione dall’interno delle cose, vedi la vita di un’altra persona fluire accanto alla tua ed i suoi desideri diventano i tuoi, le sue emozioni diventano le tue. E davanti a quegli occhi li che ti scrutano pagina dopo pagina cambiano la tua posizione facendoti porre dubbi, domande, ascoltando quella voce che grida “ci sono anch’io, non puoi ignorarmi, faccio parte della tua realtà e chiedo solo di essere ascoltato.”

La storia di Matteo è la storia di un ragazzo vero che per tutta la sua vita ha gridato per farsi ascoltare da suo padre. Ha urlato per farsi amare per quello che è. Ha rincorso quest’amore cercando di assomigliare al figlio che suo padre avrebbe voluto. Ma su di una cosa non ha potuto tacere ed era il suo essere gay. Non puoi non essere quello che sei, quello che ti rende felice, quello che ti fa emozionare e che non l’hai scelto. Tu lo sei perché nessuno potrebbe strappartelo di dosso. Ma suo padre non era in grado di amarlo perché guardare quel figlio gli ricordava a cosa lui aveva rinunciato per tutta la vita.

Matteo torna in Italia dopo aver perso l’amore di tutta una vita e con lui anche quella famiglia che si era costruito fatta dal suo compagno e da suo figlio George che ha cresciuto con amore.

Prova a dimenticare ma non può togliersi dalla pelle quel sogno di famiglia che ha perso, quell’affetto per quel figlio non suo che sente di amare nel profondo, a cui ha dovuto rinunciare. Ma l’amore non si perde mai anche quando ce lo vogliono strappare dal petto, se quel sentimento ha basi forti e solide, ritorna.

È un libro che parla di scelte, di goffi tentativi di risalita, di dolore, di perdono, di rinascita. Affronta la tematica della genitorialità nelle famiglie arcobaleno e ci ricorda che un figlio ha solo bisogno di essere accolto, amato, sostenuto.

Molto spesso ho avuto delle difficoltà di approccio con il personaggio avendo dei punti di vista spesso diametralmente opposti. Mi ha sfidato ad ascoltarlo, a dargli una possibilità perché anche la sua storia mi arrivasse. Ciò dimostra che aprire il cuore e la mente lasciando spazio ad altro da noi porta comunque qualcosa di positivo perché non ti lascia fermo a quello che sei tu o che credi di poter trovare in una storia.

Lo stile è molto pulito, scorrevole, con dei continui salti temporali affidati ai ricordi perché per poter costruire il nuovo bisogna saper lasciar andare il passato. È una storia vera, con note autobiografiche che parla della quotidianità di ognuno di noi, con le nostre cadute, risalite, piccole follie e quel senso di bisogno di appartenere a qualcosa che è nel DNA dell’animo umano.

Se cercate una storia vera, se vi piacciono i romanzi di formazione, se volete ascoltare una vita che vi parla in modo umano e non stereotipato di famiglia arcobaleno e tematiche LGBT questo romanzo toccherà le corde giuste del vostro cuore.

Alla prossima lettura! ❤

kisspng-lion-hipster-stock-photography-lions-head-5accaebc91b9a0.3233463215233635165969Rosanna S. 
(Recensionista Sognare) 

Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?!
Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare!
Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...