REVIEW PARTY: Possession. Il confine tra l’amore e l’appartenenza di Penelope White

Cari sognatori, concludiamo questa settimana zeppa di articoli con il romanzo più focoso e “possessivo” nato dalla penna di Penelope White!!!

51IOieieN0L

GENERE: erotic romance, BDSM 
DATA DI USCITA: 21 ottobre 2021 

Ebook / Cartaceo

“Io gli appartenevo, qualsiasi cosa pensassi o facessi, ero molto più di una piccola marionetta nelle sue grandi mani: io ero Sua!”
Anna è una giovane mamma di trent’anni che si divide tra il lavoro e il suo piccolo Mattia, frutto di una notte con il migliore amico Massimiliano, che le è sempre rimasto accanto.
La sua vita è una rassicurante routine, una confort zone in cui si rifugia da anni.
Ma poi tutto cambia dopo l’incontro con Alessandro, un uomo maturo che le farà scoprire un mondo nuovo, un universo parallelo fatto di dominazione, perversione e possesso.
Al di là della sua comprensione, Anna si scopre affascinata da tutto questo, mentre tra i due nasce un’attrazione tanto forte, quanto impossibile da spiegare, da definire.
Un legame che porterà entrambi a guardarsi nel profondo, sin dentro l’anima…
Possiamo davvero definire a parole ciò che unisce due persone?
Esiste veramente una netta demarcazione quando si parla di sentimenti?
“Potresti anche concederti a chiunque… nessuno sarebbe mai me. E non si tratta di modestia, non dico che sono speciale in generale, ma che lo sono per te, e non mi sto vantando. Credo solo che, per quello che già c’è stato, nessuno potrebbe incidere tanto quanto me, quindi non si tratta di presunzione. Sarei geloso di un altro fino a un certo punto, perché nessuno avrà da te quello che ho avuto io”.

ATTENZIONE: Il romanzo contiene scene sessualmente esplicite destinate a un pubblico adulto.

Ogni volta che mi ritrovo a leggere quest’autrice per me è un piacere immenso perché scrive delle storie particolarmente intense, con una penna elegante, sofisticata, ricca di contenuti anche culturali ed emana un erotismo sensuale e raffinato che la contraddistingue. Solo una penna come la sua poteva tratteggiare nel mondo del BDSM una dominazione di questo tipo, ben lontana dal cliché scontato del maschio Alpha fisicamente irruento che ti sottopone a tremila giochi per cui il sesso è vissuto al centro di ogni rapporto.

“Forse è vero, Anna non è ciò che sono abituato a intendere come ‘slave’; ma se sono sicuro di qualcosa è che la sua indole è quella. Non dobbiamo sempre etichettarci, obbligarci a prender posto all’interno di schemi prestabiliti. Perché, spesso e volentieri, il bianco e il nero si miscelano in infinite gradazioni di grigio. E se così non fosse? Se a lei non interessasse il tuo mondo?”

Questa volta ci viene presentato un uomo ricco di fascino, carisma, esperienza, intellettualmente accattivante che seduce la sua sottomessa in modo sottile, quasi più pericoloso e perverso in realtà perché alla base di tutto pone la connessione mentale. La mente è l’organo sessuale più potente perché mentre un corpo con cui godere sfrenatamente è alla portata di molti, una mente che risponda al tuo bisogno, che solo al sussurro della voce del suo uomo si sciolga, che conosca i tuoi bisogni fino a leggere il più piccolo desiderio che si annida in te è di una potenza sconvolgente, pericolosa perché quel potere potrebbe essere usato per soggiogare qualora non fosse ben dosato e consapevole.

Devo dire che questa seduzione mentale si riversa in quella fisica perché solo il pensiero di poter avere quel che più aneli, ti rende pronto e bisognoso. Anch’io sono molto intrigata da uomini così intellettualmente potenti che sanno come prenderti, sanno come farti sentire viva di desiderio. Ed è quella complicità che rende una coppia senza tempo.

“Io-non-ho-paura”, scandisco, stavolta con voce ferma. “Oh, certo che ne hai”. “E tu che ne sai?” “Perché non sei ancora andata via… sei qui con me”. “Io non…”, tento di ripetere ma m’interrompe. “E sai perché sei qui, Anna? Perché dietro il timore di qualcosa vi è sempre la curiosità! Quell’istinto insano che ci obbliga ad affrontare l’oggetto della paura stessa”. “Cosa vuoi da me, Sandro?”, domando ignorando le sue parole. “La vera domanda è: cosa vuoi tu”.

Anna è una donna che ha dedicato alla sua famiglia tutto di sé, al figlio e al padre di quel bambino che pur non amandolo è per lei quel punto fermo che equilibra tutto. Ma arriva inaspettatamente un uomo intrigante dall’aspetto seducente, così arrogante, presuntuoso, affascinante e carismatico che la sconvolge nel profondo.

Alessandro è un dominatore che si è rifugiato in quel ruolo cercando quasi sempre rapporti solo di quel tipo. Si è cullato del senso di appartenenza provato con le sue sottomesse che l’ha appagato ma mai messo in discussione. Eppure quella donna lo intriga con quella lingua biforcuta, l’animo ribelle e l’istinto sottomesso che lui scorge ma che lei non ha ancora esplorato. Alessandro le chiede di fidarsi di lui, di abbandonarsi al desiderio, all’istinto feroce che le faccia rendere conto della sua vera natura. Ma lui in cambio cosa le può dare?!

Si dice che ci siano dei paletti in cui rifugiamo la nostra indole, delle scatole mentali dove incasellare inconsciamente persone e rapporti allo scopo di rassicurarci. Anna è spaventata, viva, eccitata, bisognosa ma al tempo stesso sente che desidera un di più oltre quel mondo ancora inesplorato che lui le mette ai suoi piedi.

“Non-scherzare-con-me, Anna!”, scandisce a denti stretti mentre mi tiene ancorata al muro con la sola forza del suo sguardo. È a pochi centimetri da me, nemmeno mi sfiora, eppure lo sento sin sotto la pelle, sin dentro le ossa, sin nel profondo della mia anima… “Non puoi più darmi ordini”. “E tu sai bene che appartieni ancora a me”. Quelle parole mi lasciano senza fiato. Sento il respiro interrompere la sua corsa a metà strada. I polmoni si contraggono a vuoto, facendomi provare dolore nel petto. “No, non è vero”.

È un romanzo intenso, profondo, ricco di emozioni contrastanti dove il legame tra i due è talmente potente da sentirlo sulla vostra pelle il desiderio che infiamma questa storia d’amore. È una battaglia di fiducia, di scelte libere, consapevoli, rischiose.

E voi quanto siete disposti a concedere di voi stessi a chi amate? Fate con Anna e Alessandro questo viaggio alla scoperta dei lati più nascosti della vostra anima perché in ognuno di noi c’è un lato proibito che aspetta solo l’occasione propizia per venir fuori.

Alla prossima lettura! ❤

kisspng-lion-hipster-stock-photography-lions-head-5accaebc91b9a0.3233463215233635165969Rosanna S. 
(Recensionista Sognare) 

Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?!
Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare!
Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...