REVIEW TOUR: Bloodline di Kyra Synd

Cari sognatori, ritorna Kyra Synd e come sempre lo fa in grande stile! Questa volta ci “distrugge” la mente e il cuore con questo crudo ed oscuro romance da togliere il fiato!!!

cover-ebook

GENERE: mafia romance, distopico 
DATA DI USCITA: 7 giugno 2022 

Ebook / Cartaceo

Il destino di Craig è scritto dal giorno della sua nascita, perché ciò che Ethan decide è legge. Il primo compito gli è stato assegnato da bambino: proteggere Kobra.
Due assassini legati dal sangue, dalla morte e dall’odio.
Non possono provare emozioni, sono stati addestrati per questo: la falce di ghiaccio e la morte nera. Eppure, Kobra non ha mai dimenticato Lean, il suo angelo, né la sete di vendetta.
Craig nasconde tanti segreti, troppi e pericolosi. Una giovane donna e una bambina, però, potrebbero dissuaderlo dal compiere il proprio destino, per stravolgerlo dalle fondamenta, a costo di fare a pezzi il suo cuore ancora una volta.
La guerra per il potere è iniziata, silenziosa come un serpente.
ATTENZIONE: Contiene scene di sesso e linguaggio espliciti, con atti di violenza e criminali. Per i temi trattati si consiglia la lettura a un pubblico adulto e consapevole.

Nella vita di ognuno di noi c’è un punto di non ritorno. C’è un istante che vale tutto quello che hai vissuto fino ad allora perché è in quell’istante che ti giochi tutta la partita. Ci sono degli occhi che scavano un mondo, ci sono degli occhi in cui puoi leggere tutto quello che non sai di essere, ci sono degli occhi che punteggiano le tue parole sconnesse che si perdono in un mare di bugie.

“Mi afferra il braccio. «Non provi più niente?»
«Nulla che ti piacerebbe sapere.»
Mi strattona per costringermi a voltarmi. «Allora, fingi.» Le lacrime le scivolano sulle guance e fanno male come allora. Qualcosa non è cambiato. «Ti prego, almeno per qualche ora, fingi che non ci abbiano strappato ogni cosa.» Un singulto le spezza la voce. «Per favore.»”

Davanti a quegli occhi le maschere cadono, davanti a quegli occhi il mondo si ferma, davanti a quegli occhi sciogli il ghiaccio con cui hai anestetizzato il cuore, i sensi di colpa, l’anima. Non puoi fuggire dinanzi a chi si prende tutto di te, tutto il tuo male, tutto il dolore, tutta la rabbia.
Non puoi rinnegare davanti a quegli occhi quell’umanità che palpita in un punto nascosto del tuo cuore, quell’umanità che grida il bisogno di essere amato, il bisogno di essere approvato, il bisogno di essere quello che non potrai mai essere. E non importa chi ti ha deluso, ferito, oltraggiato, non importa chi si è preso la tua fiducia ingenua per spingerti all’orrore. Non importa se la mano che avrebbe dovuto accompagnarti ha armato la tua. Non importa perché dinanzi a quello sguardo tu torni ad essere solo quel che sei nel punto più nascosto di te.

Craig per quello sguardo è capace di congelare la sua anima in un punto nascosto, è capace di banchettare giorno per giorno con i suoi demoni mentre lo corrodono e lo corrompono. Per Craig quello sguardo è lo schiaffo che la vita gli dà per ridestarsi dall’incubo in cui è costretto a vivere. È lo sguardo di chi ama, ma che ogni volta gli viene strappato a brandelli fino a quando non resta che il niente è l’odore fetido della morte. Ma c’è sempre un punto di non ritorno, un punto a partire dal quale ogni scelta, ogni passo sono dettati dalla voglia di rivalsa e dalla sua più grande debolezza, l’amore.

Il romanzo di cui vi parlo oggi non vi nascondo che è stato per me l’apoteosi di questo legame, è l’emblema tra vita e morte, tra inferno e paradiso, tra sangue e dolore. Riscrive il mafia romance sapientemente e al contempo va oltre, sì perché qui c’è una progettualità, una costruzione minuziosa come una partita a scacchi con le vostre coronarie. È un mafia romance perché c’è una struttura di potere gerarchica con delle famiglie che si contendono potere, vita e morte. È un dramma perché come nelle tragedie greche arriva il punto che per costruire il tuo potere devi tramare, cospirare, uccidere per non soccombere chiunque si frappone tra te e la vetta.

È un distopico perché il tutto accade in un futuro ipotetico, con degli scenari inaspettati, è così senza preamboli o premesse ti fa buttare dalla scogliera. Se sei forte nuoti e respiri, altrimenti annaspi in un mare profondo che come mille aghi si conficca in ogni fibra del tuo essere. È un dark perché sono antieroi che si nutrono di dolore e morte. È un retelling perché prende i classici e costruisce sopra una trama in atti con una scalata di eventi mozzafiato ed inaspettata. Per arrivare a certi livelli, devi aver letto, devi aver sentito, devi aver studiato, devi aver graffiato l’anima.

Anche il linguaggio diventa ancora più diretto, senza fronzoli, senza appigli, senza possibilità di riscatto o di speranza. È il mio pugno nello stomaco, è colei che si prende il mio ossigeno per lasciarmi sempre senza fiato. È una penna imprevedibile, che ama personaggi scomodi, che ha una mente in perenne fermento. Solo dalla sua lucida follia poteva nascere una storia così bruciante, articolata, per certi versi molto rischiosa. Ma è un rischio vinto perché è un romanzo inaspettatamente bello e ricco di tanto, dalla passione folle alla vendetta, al dolore, al rimpianto.

Craig è crudo spietato ma ha solo un compito: proteggere Kobra ad ogni costo e per farlo non esiterà ad usare ogni mezzo. Il burattinaio che tiene i fili della sua vita come un dio impazzito muove vite come pedine in un gioco al massacro dove nessuno può soccombere. Al fianco di Craig questa penna folle non poteva mettere una principessa tutta ingenua da salvare ma una regina della notte, l’angelo della morte plasmata da Craig per sopravvivere in un mondo spietato e crudele.

«Ho smesso di lottare perché eri tu» sospira. Le stringo i fianchi e la blocco. «Come?» «Il tuo respiro, il profumo della tua pelle, la tua mano e i suoi calli. Tu. E io ti volevo, non mi importava come, ma almeno per qualche attimo volevo…»

L’amore che non puoi provare, il punto più vulnerabile di una vita intera, la passione che banchetta con il sangue e il dolore infettando tutto quel che incontra diventa un motore oscuro che muove e smuove anche l’impossibile.

«Ti odio» sussurra di nuovo, appoggiando la fronte alla mia. «Anche io.» Perché l’amore uccide nella nostra vita e io voglio che lui viva.

Prendete una grande boccata d’aria, dei respiri rilassanti, tanto maalox, fazzolettini e buttatevi nella storia di Craig e Maze perché è viaggio indimenticabile per me, un’emozione unica per coloro che amano il genere scritto da una grande penna che libro dopo libro svela il grande talento e la sua personalità unica e riconoscibile.

Alla prossima lettura! ❤

kisspng-lion-hipster-stock-photography-lions-head-5accaebc91b9a0.3233463215233635165969Rosanna S. 
(Recensionista Sognare) 


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?!
Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare!
Grazie! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...