BLOG/REVIEW TOUR: Un Amore Incancellabile – La Serie di Daniela Tess

Cari sognatori, oggi diamo il via ad un altro consueto nostro Blog/Review Tour dedicato all’emozionante serie historical di Daniela Tess!!! 
Ma passiamo alla sua presentazione… 

—Pngtree—gold frame texture_2182519

La trilogia Un amore incancellabile è nata circa dieci anni fa su un forum, lo stesso in cui avevo scritto Un amore proibito, del quale rappresenta un sequel naturale, anche se possono leggersi indipendentemente l’una dall’altra. Un amore incancellabile parla dei figli di Alyce e Lucas, protagonisti della prima trilogia.

Il finale di questa storia, che uscirà il 30 giugno, Rinascita, è assolutamente inedito per tutte le lettrici, non è stato mai postato nel forum in quanto a un certo punto smisi di scrivere la storia, per diverse cause. A distanza di qualche anno ho concluso le vicende dei miei protagonisti e spero di aver dato loro un degno finale.

All’inizio la protagonista doveva essere solo Eve, terzogenita dei Tresham, giovane debuttante tornata in seno alla famiglia dopo un periodo lontano da casa, in un’esclusiva scuola per giovani aristocratiche. Ma mentre scrivevo, la figura di Simon, il primogenito, ha preso sempre più piede reclamando un posto da coprotagonista. Alla fine son venuti fuori tre libri, con due coppie protagoniste: Eve e Richard, l’angelo e il diavolo, la ragazza innocente e il marchese edonista e cinico; Simon e Celeste, erede di un ducato lui, povera dama di compagnia lei. Ma nelle mie storie, nulla è come sembra e ci saranno molti colpi di scena e uno scioccante, a detta delle lettrici, plot twist. 

Un amore Incancellabile, 3 volumi da leggere in rigoroso ordine cronologico, i primi due non sono autoconclusivi

Ambientazione: Inghilterra 1833
Genere: historical romance
Altre caratteristiche e sottogeneri: angst, forbidden, hate to love 

—Pngtree—gold dividing line_3607814


1655802554

PAGINE: 380 
PREZZO EBOOK: € 2,99 
PREZZO CARTACEO: € 13,99 

Disponibile su Amazon, anche con Kindle Unlimited

Inghilterra, 1830 
Eve è la giovane figlia del potente duca di Tresham. Ha vissuto per anni in un collegio per giovani aristocratiche, lontana dagli affetti e dagli scandali. È buona, generosa, innocente, come lo era sua madre Alyce. Tornata in seno alla sua famiglia, si prepara al debutto in società, sognando un uomo fedele e altruista, che la ami e la sposi. Incontra invece Richard, marchese di Stanton: scuro, pericoloso, con due occhi di ghiaccio. Lui è tutto ciò su cui l’hanno messa in guardia fin da bambina. Lui è chi non dovrebbe mai guardare e a cui un’innocente come lei non dovrebbe rivolgere neanche parola: libertino, cinico, edonista. Un uomo che non ha il matrimonio tra i suoi obiettivi. Soprannominato il figlio del diavolo, nasconde più di un peccato e di un segreto. Può un angelo innamorarsi del diavolo? E può il diavolo, desiderare un angelo? Tornano gli eredi dei Tresham in un nuovo, appassionante capitolo: passioni, tradimenti, colpi di scena, segreti inconfessabili…amori
incancellabili.

—Pngtree—gold dividing line_3607814


1655802466

PAGINE: 440 
PREZZO EBOOK: € 2,99 
PREZZO CARTACEO: € 14,99 

Disponibile su Amazon, anche con Kindle Unlimited

Eve e Richard, l’angelo e il diavolo. Si sono incontrati a Londra, durante la Stagione, la debuttante più ambita e l’uomo più chiacchierato. Lei è figlia di un duca potente, lui un marchese di oscure origini, ignaro di chi sia il suo vero padre. Eppure, non c’è nulla o nessuno che sia riuscito a tenerli lontani: hanno provato a opporsi alla scintilla scoccata all’inizio, salvo poi arrendersi al fuoco della passione. Una passione proibita, peccaminosa, incancellabile. Ma una sera, a Vauxhall, accade l’irreparabile: Simon, il fratello di Eve, li scopre. Deluso e arrabbiato, per separarli rivela a Eve il segreto di Richard, il suo peccato più grande. Uno shock e l’inevitabile gelo tra i due. Da brava ragazza che ama la propria famiglia, lei cerca di ricomporre i pezzi del suo cuore, di continuare la Stagione frequentando George, un caro amico. Eppure, ogni sera, a ogni diversa occasione mondana, uno sguardo di ghiaccio, furioso, bramoso, disperato, la segue, la bracca, non l’abbandona. Chi è davvero Richard? Il mostro che ha dipinto suo fratello o l’uomo tenero e generoso che si è rivelato con lei? Riuscirà a scoprirlo davvero? Avrà il coraggio di seguire il suo cuore o si piegherà alle convenzioni?
Anche Simon è turbato: ormai ha scoperto che dietro i panni della modesta dama di compagnia, Celeste, si nasconde una donna affascinante. Perché non mostrare tale bellezza? Da cosa si nasconde? Il mistero lo intriga, mentre cresce l’attrazione per una donna del tutto inadatta a diventare una duchessa.
Anche Celeste è innamorata di Simon ma sa che il suo è un amore impossibile: nasconde infatti un segreto che non solo metterebbe in pericolo l’uomo, ma potrebbe togliergli anche il titolo e l’onore.
Tornano gli eredi dei Tresham nel secondo capitolo della trilogia: vecchi e nuovi amori, passioni, colpi di scena e sconcertanti segreti.

—Pngtree—gold dividing line_3607814


1655802407

PAGINE: 450 
PREZZO EBOOK: € 2,99 
in promozione a € 0,99 fino al 30 giugno 
PREZZO CARTACEO: € 14,99 (Prossimamente) 

Disponibile su Amazon, anche con Kindle Unlimited

Eve e Richard si sono ritrovati ma le cose tra loro sono molto complicate: il passato fatto di bugie, tradimenti, equivoci, sembra separarli inesorabilmente. Eve non è più la donna che conosceva Richard; ora nasconde un segreto e non è disposta a rivelarlo all’uomo. Dal canto suo anche Richard è cambiato: l’amore lo ha toccato e rivuole la donna del suo destino, a tutti i costi. Eve sarà disposta finalmente a credergli e a dargli una seconda possibilità? Ma cosa accadrà quando il diavolo scoprirà i segreti del suo angelo?
Simon e Celeste sono a un bivio: un ritorno dal passato costringerà la donna a rivelare scomode verità, tali da mettere in pericolo la vita dell’uomo di cui ora è follemente innamorata. Cosa sarà disposta a fare, per proteggerlo? Simon intanto, ignaro di tutto, scopre qualcosa di sconvolgente sulla sua precedente relazione.

Tornano gli eredi dei Tresham nell’ultimo, appassionante e romantico capitolo della trilogia. Tutti i segreti e le verità usciranno allo scoperto, ma i sentimenti saranno più forti di tutto? L’amore potrà davvero rinascere?

—Pngtree—luxury vintage frame png gold_5495738

ESTRATTI
Eve, amore mio, finalmente ti ho ritrovato…
Lei era pallida da far paura, sembrava aver visto un fantasma e forse era davvero così. Richard era in piedi, di fronte e la guardava, l’adorava con lo sguardo, come avrebbe voluto fare con le parole e con il corpo, con l’anima e il cuore, con tutto se stesso. Era bellissima, ancora di più; aveva una luce, un’aura, non riusciva a capire cosa fosse. Certo era che non la vedeva sciupata come aveva temuto, forse solo un po’ pallida ma incantevole. Dovette stringere le mani a pugno per impedirsi di stringerla tra le braccia. Ma proprio mentre stava per parlarle, si accorse che qualcosa non andava. Il suo pallore, la sorpresa, non erano spariti. Vide la sua apparente serenità infrangersi e andare in mille pezzi. Aveva il respiro affannoso e il volto era diventato cinereo. Con le mani prima annaspò, come se le volesse mettere tra di loro, come se volesse usarle contro di lui. Poi, però, inspiegabilmente se le posò sui fianchi, sul ventre nascosto dal cappotto e cominciò a dondolarsi come una bambina mentre tra calde, grosse lacrime ansimava quelle parole: «Tu… no, non è possibile, non è vero, non puoi». 

Lui la guardò, ora leggermente preoccupato. Gli sembrava che impallidisse sempre di più, se ciò era possibile. «Sì, invece, sono io, sono qui per te, per riportarti a casa». Ma proprio mentre diceva quelle parole, nudo, vulnerabile, proprio mentre faceva parlare il suo cuore senza freni, senza difese, lei reagì in un modo inaspettato e sconvolgente. Non riuscì a terminare la sua appassionata dichiarazione perché la giovane donna si afflosciò a terra come una bambola spezzata, priva di vita e di ogni volontà. Fu lesto a reagire; si precipitò da lei appena in tempo per evitare che rovinasse a terra, completamente. L’afferrò per le braccia e la sostenne. «Dio Eve, cosa succede? Non fare così. Sembra che tu abbia visto un fantasma. Perdonami, non volevo causarti un trauma, non vorrei mai che ti accadesse qualcosa. Vieni amore, appoggiati a me. Siediti!». Ma proprio mentre stava per depositarla su una poltrona, proprio mentre le lasciava le braccia per afferrarla alla vita fu lui a rimanere scioccato. Stava godendo della sensazione di quel corpo fragile, delicato, tra le sue mani. La toccava come se ne avesse tutti i diritti ma nel contempo la sfiorava con rispetto e venerazione. Sapeva che non doveva forzare le cose: doveva farle capire quanto amore provasse, quanto amore avesse nel suo cuore. Voleva chiederle perdono e farle capire quanto la considerasse preziosa, unica, insostituibile. Ma mentre l’afferrava alla vita si accorse che quel corpo stupendo che conosceva benissimo, per averlo amato, percorso, baciato innumerevoli volte nella loro unica notte d’amore, improvvisamente gli era sconosciuto. Non poteva essere Eve quella che nascondeva un dolce segreto sotto quel cappotto logoro e informe. Era andato per sfiorare, accarezzare e aveva sentito qualcosa di diverso: non più la vita sottile, i fianchi leggermente arrotondati, il ventre piatto. Quello stesso ventre, era ora arrotondato, pieno, riempito dal seme della vita, dal seme di un uomo.
Un uomo che non poteva essere lui, concluse, con lo sguardo che, per ironia del destino, aveva già trovato la terribile risposta nelle mani bianche, affusolate di lei dove, all’anulare, splendeva una piccola, sottile vera d’oro. Non era la sua, non era quella del loro finto matrimonio, era diversa. Eve era diversa. La terribile verità lo schiaffeggiò in pieno viso; era di un altro, aspettava irrimediabilmente il figlio di un altro. La lasciò, subito, non appena fu certo che fosse seduta, come se scottasse, come se non sopportasse più di tenerla tra le sue braccia, come se quel contatto che aveva anelato giorno e notte per dei lunghi mesi, ora lo ripugnasse ed era così anche per lei. Non era felice di vederlo, era quasi svenuta; aveva avuto un malore, non appena si era resa conto di chi fosse il suo visitatore. Ora piangeva, senza freni. Si era irrigidita e divincolata quando lui le aveva sfiorato la vita e ora lo guardava tra le lacrime con sguardo duro, colmo di odio. Uno sguardo che voleva ferire, che lo sfidava a dire qualcosa, a criticarla. La fissò di rimando con la stessa durezza, con la stessa voglia di combatterla, di farle del male, come sentiva che lei stava facendo con lui.
«Che sorpresa, non me l’aspettavo proprio». Fu lui il primo a parlare, man mano che prendeva coscienza di quello che aveva davanti e che diveniva consapevole di quanto vuota fosse ormai la sua vita e priva di scopo. Ebbe una gran voglia di distruggere tutto, anche Eve, soprattutto lei perché stava distruggendo lui.
«E così, cara Eve, non siamo più da sole. Stupido io che mi sono preoccupato per tutti questi mesi che fossi in pericolo, spaventata. Che idiota sono stato! Non solo stai benissimo ma vedo che hai usato le tue notevoli doti per trovarti un protettore. Complimenti, mi hai giocato. Non me lo aspettavo proprio, potevi dirmelo subito. Mi sarei risparmiato di fare la figura dell’idiota».
Lei reagì immediatamente, come lui voleva. Aveva voglia di ferirla, di ucciderle l’anima così come sentiva che stava morendo la sua. «Come ti permetti? Non ti ho chiesto io di venire qui. Non mi aspettavo certo di vederti. So cavarmela da sola; e se proprio vuoi saperlo…» Di colpo Eve si interruppe. Che pazza era! Stava per rivelargli che era sposata da appena un mese ma così gli avrebbe fatto capire che il bambino non era di suo marito. In quel momento benedì il suo ventre piccolo che sembrava di pochi mesi. Lui non doveva capire. Si era rifatta una vita e pensava che non avrebbe più fatto parte della sua. Pensava di averlo dimenticato, almeno in parte, di aver seppellito i sogni che lo riguardavano e quelle stupide illusioni ma le era bastato rivederlo per capire che dentro di lei, in un angolo buio, profondo, lei era sempre la solita Eve e che reagiva a lui nello stesso identico modo in cui lo faceva nel passato. Solo che ora era diventata brava a camuffare, a non rivelare. Lui non avrebbe mai dovuto scoprire cosa in realtà provasse, che quel figlio che cresceva nel suo grembo fosse suo e che non avrebbe potuto mai essere di nessun altro. Non doveva sospettare quale arma avesse ancora contro di lei ma doveva sparire dalla sua vita per sempre e non tornare più. Non sarebbe sopravvissuta di nuovo a Richard. Ora non era sola, aveva un figlio a cui pensare, da proteggere, da preservare dalla sua follia. 
Fu il pensiero di quel bambino a darle la forza. Avrebbe combattuto per suo figlio, anche se significava mentire, ingannare, distruggere la sua volontà e i suoi desideri, calpestare il suo stupido cuore. «Voglio che tu te ne vada, subito. Non voglio vederti più e non voglio che mio marito ti trovi qui». 
Lui aveva un aspetto terribile, sembrava furioso e nel contempo profondamente triste. Eve non lo aveva mai visto così. 
«Già, tuo marito. Devo farti gli auguri, allora? Non aspettarti che sia felice per te, felice che tu sia stata così svelta a dimenticarmi. Evidentemente sei stata una brava attrice».

—Pngtree—gold dividing line_3607814

Celeste era lì, puntuale, come ormai faceva da circa un mese, in quella bella casa al centro di Londra, una delle case di Simon, la casa che aveva preso per lei, dove vivevano il loro amore, dove costruivano il loro sogno e rendevano falsamente reali le loro illusioni. Attendeva che lui arrivasse e che le facesse dimenticare per poche ore l’inganno che era diventato la sua vita, la miseria e l’orrore, il baratro in cui era sprofondata.
Molti l’avrebbero definita una sgualdrina ma lei si sentiva solo una donna profondamente innamorata. Era l’amante di un uomo, faceva l’amore con lui senza una benedizione, un anello o un contratto; ma era a quell’uomo che si sentiva unita nel profondo del cuore, a lui sapeva di essere destinata e creata. Sospirò, vagando da una stanza all’altra; il cuore batteva forte, le gambe tremavano, la lingua era bloccata. Si tolse la cuffietta, gli occhiali e sciolse i capelli, come le aveva chiesto. Il vestito lo lasciò al suo posto, a quello avrebbe pensato Simon. Arrossì ma non riusciva a vergognarsi di quella passione. Era solo per amore che lo stava facendo, per poterlo vivere almeno per poco, che si era ridotta così. Non era qualcosa di sordido, di sporco. All’improvviso, il rumore di una porta che si apriva la scosse dalle sue meditazioni. Il battito, impazzito, accelerò. Volse lo sguardo verso quella porta e lo vide, appoggiato mollemente allo stipite: gli occhi azzurri, di ghiaccio, che la guardavano, la percorrevano, che facevano l’amore con lei senza neanche toccarla. La pelle le formicolò; si staccò dalla porta e si fece avanti. Sembrava diverso. Non le disse una parola, non la salutò come sempre faceva. Non iniziò con quel bacio lieve, con quel sorriso appena accennato, con quelle parole: ti amo. Questa volta venne avanti deciso, sicuro, determinato. La strinse, sempre fissandola con occhi freddi e caldi insieme, indagatori. Questa volta non ci furono baci, né parole d’amore ma solo urgenza e desiderio carnale. Pensò di fermarlo, di chiedergli cosa avesse, ma il calore di quelle labbra che la percorrevano, che la marchiavano, che la reclamavano la confusero e in un ultimo barlume di lucidità, prima di cedere all’oblio, pensò che quello fosse il trattamento riservato a quelle come lei. Era solo un’amante, nulla di diverso.

—Pngtree—luxury vintage frame png gold_5495738



Non perdetevi le prossimi tappe, in cui vi sveleremo altri segreti legati a questa serie!!! 

 

6 pensieri su “BLOG/REVIEW TOUR: Un Amore Incancellabile – La Serie di Daniela Tess

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...