RECENSIONE/GDL: Nuova primavera (La ruota del tempo, Prequel) di Robert Jordan

Cari sognatori, oggi partiamo con un nuovo progetto libresco che vi terrà compagnia per molto tempo! La strada è lunga e tortuosa, ma ne varrà la pena! Abbiamo aderito ad un fantastico Gruppo Di Lettura (GDL) dedicato all’immensa saga di Robert Jordan, edito Fanucci Editore, ed ogni 30 del mese vi presenteremo ogni singolo volume… cosa aspettate? Salite a bordo… l’avventura è appena cominciata!!!

7158Bdt5fGL

SERIE: La ruota del tempo, Prequel 
GENERE: fantasy 
DATA DI USCITA: 14 maggio 2020 

Cartaceo

Per tre giorni la battaglia ha infuriato sulle nevi che circondano l’immensa città di Tar Valon. Nella Torre Bianca, due giovani Ammesse chiedono di parlare con l’Amyrlin Seat e la Custode degli Annali per conoscere quale sarà l’esito della lotta. Per puro caso, Moiraine Damodred e Siuan Sanche sono presenti quando la Custode profetizza che su Montedrago, l’immensa montagna che incombe sulla città, è nato un bambino in grado di cambiare il mondo. Il piccolo deve essere trovato prima che le forze dell’Ombra possano ucciderlo. Le sorti di Moiraine, che sta per diventare Aes Sedai, e di Lan Mandragoran, legittimo re di una nazione ormai scomparsa, sono destinate a legarsi inestricabilmente. Ma i cammini di entrambi sono colmi di imprevisti e pericoli, poiché Moiraine e Lan dovranno scontrarsi con le trame di chi cerca il bambino.

In molti conoscono questa saga, ma per chi come me non ne aveva mai sentito parlare, la curiosità di leggerla ha preso il sopravvento e non solo perché la cover dà molto nell’occhio ma anche la trama ha il suo perché.

Nonostante questo sia solo un prequel, dove l’autore spiega a grandi linee cosa potrebbe e dico potrebbe succedere nel primo volume di questa saga, devo dire che nonostante all’inizio della lettura mi sia sentita un po’ confusa a causa anche dei vari nomi, poi la storia ha preso piega coinvolgendomi al cento per cento.

In questo prequel (oppure come lo definisco io “episodio pilota”) facciamo la conoscenza di due persone molto importanti, Moiraine e Lan.

Moiraine è un Ammessa, vive insieme alla sua migliore amica Siuan alla Torre Bianca dove tra pochi mesi dovrà sostenere l’esame per diventare Aes Sedai (donne che fanno uso della magia incanalando i quattro elementi).
Questo personaggio mi ha subito colpito perché non solo ha un carattere che all’apparenza può sembrare sicuro e determinato ma al tempo stesso ci mostra, in alcune occasioni, che anche lei come tutti gli esseri umani ha delle fragilità.

È stato molto interessante vedere, pagina dopo pagina, il suo cambiamento evolutivo sia nel carattere che nei modi di fare e di agire.
In particolar modo, lo scatto avviene nel momento in cui una della Amyrlin più potente ha una visione e per puro caso Moiraine viene a conoscenza della “Profezia del Drago” ( di questo non posso dirvi altro ma una cosa posso accennarvi, si tratta della nascita di un bambino che sarà molto importante per il seguito della saga).

Qui e più avanti entra in gioco Lan Mandragoran, un uomo burbero che porta dentro di sé battaglie e cicatrici che non si possono guarire ma che al tempo stesso lo inducono ad affrontare ogni giorno come se fosse l’ultimo. Perché quando hai visto fin troppe volte la morte in faccia, quando hai sofferto talmente tanto che nessuno può procurarti altro dolore, a quel punto neanche la morte ti fa più paura.

Il loro incontro non sarà uno dei più idilliaci ma col tempo qualcosa cambierà e forse niente sarà più come prima, perché qualcun altro è sul loro cammino e forse più pericoloso della morte stessa…

Per quanto mi riguarda, considero questo romanzo un’opera letteraria, è avvincente, sorprendente, anche perché appena hai capito quello che può succedere, giri pagina e ti trovi sorpreso dagli avvenimenti che ne susseguiranno, e anche molto emozionante.

Devo dire che la storia è molto argomentata, l’autore è riuscito a descrivere il tutto con molta facilità dando ad ogni personaggio il modo di farsi conoscere a fondo, senza mai confondere il lettore.
Come già vi accennavo prima, all’inizio mi sono trovata un po’ frastornata a causa dei tanti nomi che ci sono, ma appuntandomeli sul mio quaderno personale sono riuscita a distinguere i vari ruoli che ognuno ha nella storia.

Diciamo che è molto intricato, a volte con dei rompicapi (i preferiti di Siuan) a cui non è facile trovare una soluzione ma se leggiamo attentamente, riusciamo a capire il significato di ogni cosa. Ecco, una cosa che vorrei consigliarvi è di leggerlo con la mente sgombra perché a volte non è facile capire i vari avvenimenti ma questo è solo apparenza, dato che in ogni momento succede sempre qualcosa di inaspettato!

A questo punto vi lascio alla lettura ma prima di congedarmi voglio precisare che, nonostante sia tomo abbastanza capiente, non risulta mai noioso ma anzi emozionante… ed è solo l’inizio!

Rimanete in nostra compagnia in questo bellissimo viaggio, io vi aspetto al primo capitolo di questa che, a mio avviso, si preannuncia una bellissima saga! ❤

kisspng-dolphin-image-vector-graphics-design-clip-art-tribal-dolphin-peugeot-decal-5b721b5270b145.2278059715342047544616Lily 
(Recensionista Sognare) 

Questo slideshow richiede JavaScript.


Ciao! Lo sai che siamo affiliati Amazon?!
Se ti piace il nostro blog e vuoi acquistare un libro clicca su i nostri link! Tu non spendi un soldo in più, ma aiuti noi a crescere e a migliorare!
Grazie! 😉

Un pensiero su “RECENSIONE/GDL: Nuova primavera (La ruota del tempo, Prequel) di Robert Jordan

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...